Incrocio della morte: la protesta del comitato

Palmas Arborea, manifestazione domani all’intersezione tra le strade 68 e 57 Chiesta una rotatoria. La Provincia ha 4 milioni e 450mila, ma non interviene

PALMAS ARBOREA. Un tratto di strada pericoloso, già teatro di tragici incidenti automobilistici, che preoccupa gli abitanti di San Quirico e Tiria i quali, riuniti in un comitato, hanno inoltrato un’istanza urgente per la messa in sicurezza dell’incrocio tra la strada provinciale 57 e la strada provinciale 68. Istanza rivolta a tutte le istituzioni provinciali e dei comuni coinvolte. I cittadini di Tiria e San Quirico, facendo riferimento a un drammatico incidente avvenuto l’8 marzo del 2016, in cui perse la vita Luigi Ibba, e rimarcando il fatto che in quella strada si sono verificati altri gravi incidenti, anche a causa della limitata visibilità e dell’alta velocità, chiedono l’eliminazione di un pericoloso dosso e la creazione di una rotonda, per mettere in sicurezza l’incrocio.

Inoltre, si chiede l’abbassamento del limite di velocità e l’installazione di un’apposita cartellonistica che metta in guardia gli automobilisti sulla pericolosità di quel tratto di strada. Il Comitato per i servizi e la qualità della vita di San Quirico e Tiria chiede a gran voce che si intervenga quanto prima per mettere in sicurezza la strada, per questo motivo l’istanza è stata firmata da 344 persone. Hanno voluto dare un titolo alla loro protesta chiamandola “Una rotatoria per Luigi, una rotatoria per la vita” e hanno spiegato che sono state «numerose e reiterate le segnalazioni alle autorità competenti, finalizzate all’adozione di misure strutturali urgenti in particolare, l’eliminazione del dosso che limita la visibilità lungo la strada provinciale 68 e la realizzazione di una rotatoria, atte alla messa in sicurezza dell’incrocio e all’abbassamento dei limiti di velocità lungo tutto il tratto della strada provinciale 68». Eppure per le centinaia di cittadini che lo percorrono «Il superamento di quell’incrocio indenni è ancora oggi un vero terno al lotto».

La competenza di quel tratto di strada è della Provincia che dispone anche di un finanziamento di 4 milioni 450mila frutto di una delibera del 7 marzo 2017 per la tutela della sicurezza della circolazione nella rete viaria principale delle strade extraurbane. Eppure da allora non ci sono state novità. I cittadini dei due centri abitati stanchi di segnalare invano il problema hanno deciso così di dar vita a una manifestazione
fissata per domani mattina alle 10.30. Si svolgerà a Tiria, in via Segni, poco distante dall’incrocio della morte. Alla manifestazione a cui è atteso anche il commissario straordinario della Provincia, Massimo Torrente, seguirà una messa di suffragio in ricordo di Luigi Ibba.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community