Telefono violato: conto da 6mila euro

Abbasanta, truffa informatica: in una notte 316 chiamate verso l’estero

ABBASANTA. Seimila euro di telefonate. Succede tutto nella notte tra il 5 e il 6 marzo quando la cornetta è stata sollevata per ben 316 volte. È successo in un’agenzia di viaggi dove però la titolare non era certo al lavoro nelle ore notturne. Abbassata la serranda e spente le luci, è andata a concludere la giornata a casa prima di godersi il meritato riposo. Nei giorni successivi si è seduta sulla scrivania come sempre sino a che è stata contattata dalla Telecom che la avvisava di quell’insolito utilizzo del telefono. Non trattandosi di un errore da parte della compagnia, la spiegazione è una sola: qualcuno è riuscito a utilizzare l'utenza che era stata quindi piratata, probabilmente attraverso un accesso della linea internet collegata al telefono attraverso il modem. Avvisata direttamente dall’ufficio antifrodi della Telecom che ha segnalato l’insolito volume di traffico telefonico, la titolare dell’agenzia è rimasta quasi senza parole prima di spiegare che, come abitualmente fa, a quell’ora della notte era da tutt’altra parte e non si trovava certo al lavoro.

Passato lo stupore per quanto le veniva comunicato, ha scambiato qualche chiacchiera chiarificatrice con i responsabili della compagnia telefonica che, per prima cosa, hanno chiarito che non accrediteranno in bolletta la somma spesa per la lunga notte di telefonate – facendo una media, ciascuna chiamata è costata quasi 19 euro – e già questo ha fatto tirare un grosso sospiro di sollievo. Subito dopo la titolare dell’agenzia, I.G. di 45 anni, ha preso
la strada della caserma ed è andata a denunciare l’episodio ai carabinieri che ora lavorano per scoprire l’autore della frode informatica. Chi di tecnologia ferisce, potrebbe perire per lo stesso motivo, anche se non è escluso che il colpevole si trovi proprio all’estero. (e.carta)

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community