Strade vicinali, il sindaco: «Via alle manutenzioni»

Andrea Lutzu spiega le ragioni dell’ordinanza che obbliga i frontisti a intervenire Polemica con Efisio Sanna che replica: «Ha trovato tutto pronto, faccia i consorzi»

ORISTANO. Strade vicinali, lo scontro è aperto. L’ordinanza che obbliga i proprietari dei terreni che vi si affacciano a impegnarsi nella pulizia e persino nella manutenzione della carreggiata stradale scatena il botta e risposta tra il sindaco Andrea Lutzu e il consigliere Efisio Sanna che ha sollevato il problema, ritenendo l’ordinanza un modo per scansare le responsabilità. Dopo le prime critiche è il sindaco a ribattere: «Era l’unico modo che avevamo per poter intervenire e provvedere anche a lavori di manutenzione straordinaria. Fermo restando che un’ordinanza del genere è un obbligo di legge in determinate situazioni, voglio ricordare che scade il 31 marzo e che nel frattempo io personalmente ho svolto diversi incontri con i frontisti per cercare di arrivare a una soluzione in tempi brevi».

La risposta però non accontenta Efisio Sanna (Pd) che rimanda la palla nel campo dell’attuale amministrazione: «Con un provvedimento del genere l’amministrazione sta giocando a scaricare le responsabilità sui proprietari dei terreni, deve invece puntare in fretta alla costituzione dei consorzi che risolverebbero una volta per tutte la situazione e consentirebbero l’azione congiunta del Comune e dei frontisti».

Proprio questo diventa il secondo motivo di scontro perché Andrea Lutzu ricorda che nei cinque anni di amministrazione Tendas non si è arrivati alla conclusione: «Non mi piace polemizzare o puntare il dito contro nessuno, ma non mi sembra che i consorzi siano stati messi in piedi dalla precedente giunta. E a proposito di condivisione, ricordo all’opposizione che ho avuto vari incontri con i frontisti e con associazioni di categoria come Confagricoltura coi quali il discorso per la nascita dei consorzi di gestione delle strade vicinali è già ben avviato».

È ancora Efisio Sanna però a pungolare il sindaco e la sua giunta: «Nei cinque anni precedenti, la giunta Tendas ha predisposto un regolamento, tanto che alcune cose presenti nell’ordinanza sono già contenute in quel testo. Se il sindaco volesse, nel giro di poche settimane avrebbe già pronti i consorzi di Donigala, Massama, Nuraxinieddu e Silì per il quale ci sarebbe anche già un presidente disposto a guidare i frontisti. Lo sfido a fare una proposta entro dieci giorni se
davvero è in grado di incidere su scelte importanti per la città».

E Andrea Lutzu ribatte: «La proposta non sarà mia, ma di tutte le parti coinvolte. L’ex assessore Sanna non è presente quando io incontro le persone, quindi non sa che lavoro stiamo facendo». Il duello continua.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller