Delitto del lago, il racconto choc: "Ecco come ho ucciso Manuel"

Christian Fodde è quello dei cinque giovani imputati che ha materialmente commesso l'omicidio del 18enne di Macomer. I verbali degli interrogatori alzano il sipario sull'orrore dell'11 settembre 2018

leggi anche:

GHILARZA.
Le ultime parole: «Mi ha infamato G.» Poi la voce di Manuel Careddu si spegne perché Christian Fodde, colui che materialmente compie l'omicidio, finisce il suo lavoro. Le rive del lago Omodeo sono a poche decine di metri da quell'inferno nel quale si stanno consumando gli ultimi istanti di vita del diciottenne di Macomer. Una morte decisa in poche ore, «su in paese», dai cinque ragazzi che lo attirano nella trappola.

In vista del processo separato per i maggiorenni e i minorenni, i verbali degli interrogatori aggiungono dettagli su quelle ore dell'11 settembre 2018, il giorno dell'orrore. Il giorno in cui Manuel morì. Parlano separatamente. Non conoscono le versioni l'uno dell'altro. Non si sono più visti dal momento in cui sono finiti in carcere, il 10 ottobre, praticamente un mese dopo il delitto.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community