Grande festa per il nonnino che sfuggì alla strage a Cefalonia

Due Comuni celebrano i 102 anni del nonnino di Sorradile che ora risiede a Ghilarza

SORRADILE. Due Comuni in festa per il nonnino di Sorradile, che ieri ha compiuto 102 anni nella comunità alloggio Angelino Licheri di Ghilarza, dove risiede da alcuni anni. Per la ricorrenza speciale Daniele Flore ha ricevuto gli auguri dalle delegazioni comunali dei paesi natale e d'adozione, con in testa i sindaci Pietro Arca e Alessandro Defrassu. Daniele Flore non è nuovo alla doppia festa di compleanno.

Allo scoccare del secolo di vita il neo centenario spense le candeline con i nipoti e la sua nuova famiglia della casa di riposo ghilarzese e qualche settimana più tardi, a Sorradile, replicò alla presenza delle più alte cariche dell'esercito della Sardegna, che Daniele Flore servì durante la seconda guerra mondiale. Fu quello un periodo straordinariamente avventuroso e drammatico per l'uomo, che dopo essere miracolosamente scampato all'eccidio di Cefalonia, nel 1943 fu

fatto prigioniero dai soldati tedeschi.

Nel lager Daniele Flore trascorse circa un anno. Fu liberato dai militari russi, che lo internarono per due anni vicino a Minsk. Nel 2015 fu insignito della medaglia di Liberazione dal presidente Sergio Mattarella. (mac)
 

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller