maschere e identitÁ 

Il fenomeno della balentìa nella mostra di Alfonso Canfora

ORISTANO. Dalle 19 di oggi, lo spazio culturale di Palazzo Bifulco in piazza Mariano ospiterà un’altra iniziativa artistica sul tema “Legami con la terra Sarda”. Sarà un’occasione di riflessione per...

ORISTANO. Dalle 19 di oggi, lo spazio culturale di Palazzo Bifulco in piazza Mariano ospiterà un’altra iniziativa artistica sul tema “Legami con la terra Sarda”. Sarà un’occasione di riflessione per cercare di comprendere i valori della sardità e il fenomeno della balentía”, ma anche i risvolti di fenomeni criminali sardo. L’evento è organizzato da Alfonso Canfora che metterà a disposizione del pubblico le sue ultime opere per raccontare l’animo del popolo sardo che vive in una porzione dell’isola in cui si sono riscontrati in passato episodi associati proprio al concetto di balentìa.

Durante la presentazione, l’autore dell’esposizione spiegherà quali siano i motivi che l’hanno spinto alla creazione delle differenti opere e maschere facenti parte di una vera e propria collezione inedita sul mimetismo, attraverso una chiara identificazione in un volto concreto delle tre figure su cui si basa la mostra ovvero la maschera d el pastore sardo, la maschera del balente e la maschera del bandito sardo. Alla presentazione interverranno
il regista Paolo Zucca e l’attore Benito Urgu, entrambi oristanesi, che hanno presentato proprio la settimana scorsa a Oristano il nuovo film “L’uomo che comprò la luna”. Verrà consegnato loro uno speciale omaggio quale segno di gratitudine per la promozione della cultura sarda.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community