Oristano, lavoratori in nero: maxi multa a un commerciante cinese

Una grossa rivendita di articoli per il fai da te

ORISTANO. Trentatre dipendenti, otto completamente in nero (sette italiani e un pakistano) gli altri assunti con un contratto part-time di 24 ore settimanali ma come tutti ne facevano 54 e la differenza era pagata in contanti con retribuzioni molto inferiori ai minimi salariali previsti dai contratti collettivi nazionali del commercio. Li ha scoperti l'Ispettorato territoriale del Lavoro a Oristano in una grossa rivendita di articoli per il fai da te, a seguito di una indagine durata diversi mesi.

Al titolare dell'azienda, di nazionalità cinese, è stata notificata nei giorni scorsi una sanzione amministrativa di oltre 38 mila euro. Lo stesso dovrà anche versare all'Inps 128 mila euro per i contributi evasi. Al titolare dell'azienda è stata anche contestata la violazione delle

norme che impongono ai datori di lavoro la tracciabilità dei pagamenti a favore dei propri dipendenti e l'installazione nei locali di vendita e nei magazzini di telecamere per il controllo a distanza dei lavoratori senza le prescritte autorizzazioni, che è un reato perseguibile penalmente

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community