Forza Italia, a Oristano la dissoluzione finale

Sindaco, assessori e consiglieri si autosospendono: pronti all’addio 

ORISTANO. Hanno aspettato per mesi un segnale da Cagliari. Il segnale non è arrivato, anche perchè i vertici regionali del partito avevano messo già nel conto il loro addio, e così per i consiglieri comunali di Forza Italia è arrivato il momento dei saluti. Preceduti, in questo caso da una autosospensione che sa tanto di annuncio di rottura. Antonio Iatalese e Luigi Mureddu, il primo coordinatore provinciale dimissionario, il secondo capogruppo in consiglio comunale, annunciano la sospensione loro, degli altri consiglieri, degli assessori e dello sindaco Lutzu dal partito di Berlusconi, con un nota che salva comunque la giunta guidata di centro-destra. «Tre mesi fa abbiamo chiesto chiarimenti ai vertici regionali, ma non è giunto nessun segnale positivo. Il gruppo consiliare di Forza Italia ha quindi deciso di procedere con l’auto sospensione, come preannunciato ad aprile. Il gruppo consiliare oristanese, dopo aver preso atto della scarsa considerazione riservatagli dal vertice regionale del partito continuerà ad occuparsi dell’amministrazione cittadina, senza dimenticare l’appartenenza all’area di centrodestra».

Iatalese, nelle scorse settimane “scomunicato” dal coordinatore regionale Ugo Cappellacci e dal consigliere regionale Emanuele Cera, precisa che «la
scelta di autosospenderci ha due significati: il primo è quello di lanciare un ultimo segnale al partito; il secondo è quello di dimostrare che in Comune il gruppo e gli assessori sono uniti». Inutile chiedere commenti al sindaco Lutzu. Ieri sino a tarda sera il suo telefono era staccato.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community