Bauladu, sequestrata piantagione di marijuana nascosta in una zona impervia

Blitz della Squadra mobile: scoperte oltre 600 piante curate e innaffiate con un impianto a goccia

BAULADU. Colpo grosso della Squadra Mobile della Questura di Oristano, in collaborazione col Reparto Prevenzione Crimine Sardegna e con un elicottero del reparto volo di stanza a Fenosu, che ha sequestrato di una grossa piantagione illegale di marijuana, messa a dimora nella campagne del comune di Bauladu.

Gli agenti coordinati dal dirigente Samuele Cabizzosu sotto la guida della procura della Repubblica di Oristano, hanno effettuato il blitz alle prime ore del mattino in un'area estremamente impervia che non consentiva l’avvicinamento con le macchine. La piantagione, composta da oltre seicento piante nascoste tra la vegetazione, poteva esser vista solo in parte dall’alto.

Tutta la canapa indiana è stata estirpata e sequestrata assieme a una trentina di fusti di fertilizzante, a numerosi attrezzi agricoli e a un impianto di irrigazione a goccia recentemente installato con cui si sarebbero potute innaffiare oltre 2.000 piante.

Il campo con la cannabis e l'impianto...
Il campo con la cannabis e l'impianto di irrigazione a goccia

Nel campo erano presenti anche una tenda da campeggio e tutto l’occorrente per il pernottamento e il monitoraggio della piantagione, segno che il campo era seguito e vigilato costantemente dai coltivatori che avevano impiantato canapa del tipo sweet skunk auto, un ibrido frutto di più incroci con un principio attivo molto elevato. E' una varietà dalla fioritura veloce, molto resinosa e produttiva, caratterizzata da cime dense e ricoperte di tricomi, il cui valore sul mercato illegale degli stupefacenti, una volta arrivata a piena maturazione ed essiccata, sarebbe stato di oltre seicentomila euro.

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community