Abbasanta commossa ha dato l’addio a Claudia

L’intero paese si è unito ai familiari della donna morta a seguito di un incidente Per sua volontà, i parenti hanno acconsentito alla donazione degli organi

ABBASANTA. La vita di Claudia continuerà oltre la morte. L'ultimo gesto della giovane donna deceduta nell'incidente automobilistico di una settimana fa è stato l'aver dato speranza a chi era in lista d'attesa per un trapianto.

Assecondando la volontà che Claudia Mura aveva espresso in precedenza, la famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi. Il cuore della donna batterà nel petto di qualcun altro, fegato e reni segneranno la rinascita di altre persone. Un gesto di grande civiltà, ma ancor di più testimonianza di un amore smisurato e gratuito per il prossimo.

«Morendo Claudia ha fatto come il chicco di grano che cadendo produce tanti frutti», ha detto il parroco citando il Vangelo durante la cerimonia funebre officiata ieri nella parrocchia di Santa Caterina d'Alessandria.

«La vita non vale tanto per se stessa ma vale perché è un dono da offrire agli altri – ha ricordato don Mario Cuscusa, che ha ringraziato la figlia, i genitori e il fratello della trentasettenne scomparsa tragicamente – per il Generoso e coraggioso gesto con cui avete compiuto la volontà di Claudia. È un atto d'amore che durerà per sempre. Grazie a nome della comunità e di chi continuerà a vivere.

Le parole del sacerdote sono risuonate in una chiesa brulicante di gente.

In tanti si sono stretti attorno alla famiglia per manifestare affetto e vicinanza nel doloroso momento del distacco: i coetanei e gli amici di Claudia, i compagni di liceo e le amiche della figlia adolescente, amministratori e cittadini.

In un clima di commozione generale, con le lacrime trattenute a fatica dai fedeli e il dolore composto dei genitori, della figlia
e del fratello della defunta, si è concluso il rito funebre e una folla silenziosa ha accompagnato il feretro in cimitero.

Laggiù ci sarà una tomba su cui piangere per l'assenza di Claudia e per ricordare, allo stesso tempo, che la sua morte è stata fonte di vita.(mac)

TrovaRistorante

a Oristano Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community