Filtri

Miniere Sonore

Facci sapere se andrai
Miniere Sonore giunge alla sua nona edizione con un programma più ricco che mai. 15 appuntamenti a partire dal 10 fino al 26 settembre più una serie di atelier/spettacoli per le scuole. Il festival di musiche attuali ancora una volta mantiene fede al suo carattere pedagogico di fondo integrando però una serie di concerti che aprono Miniere Sonore a un pubblico più vasto, attratto da diversi generi musicali e soprattutto dalla fusione tra essi. Da una parte la sperimentazione come fonte di ispirazione e ricerca di nuove possibilità espressive, dall’altra l’applicazione dei risultati ottenuti in contesti più diretti e familiari al pubblico. Black music, afro-beat, electro minimal, dub si intrecciano con produzioni interdisciplinari in cui danza, video, live electronics e strumenti tradizionali danno vita a universi percettivi unici. Da anni cornice suggestiva per gli spettacoli e le performance di Miniere Sonore, anche per questa edizione, l’Hospitalis Sancti Antoni sarà la location principale del festival salvo la masterclass/concerto di Steve Vai che si terrà al Piccolo Auditorium di Piazza Dettori a Cagliari e l’ultima serata del festival che vedrà l’Antiquartium Arborense come teatro per le musiche di Ronan Courty e Alan Regardin. Il festival si aprirà dunque all’Hospitalis Sancti Antoni il 10 settembre, dalle ore 21.00 col trio Organic Soul da Cuba e a seguire col live mix afro-beat del camerunense Declo. Ad aprire la serata è il duo Antonio Farris e Giuseppe “Joe” Murgia. Sabato 17, dalle ore 22.00, sarà la volta di Alessandro Cau in solo, il duo Alessandro Olla e Vera Livia Garcia e in chiusura una performance del dj BouRiKé. Il 18, alle ore 20.30, aprirà la serata un concerto di musica acusmatica dal titolo “Le coin acousmatique”, a seguire “L’arbre de Fares”, spettacolo di musica, danza e video. In chiusura il duo Danilo Casti e Alessandro Carboni.
Informazione da: Go Oristano

Commenti degli utenti

Giorni e orari

Come arrivare

Piazza Eleonora - Oristano