Alghero vieta le sigarette nei parchi pubblici

Il divieto in un'ordinanza firmata dal sindaco Marco Tedde (Pdl) per tutelare bambini e anziani

ALGHERO. Divieto di fumo nei giardini e nei parchi pubblici di Alghero: lo stabilisce l’ordinanza firmata dal sindaco Marco Tedde (Pdl). Obiettivo: tutelare in particolare i bambini e gli anziani, che sono i maggiori fruitori degli spazi verdi, dall’effetto nocivo del fumo passivo.

Ma oltre alla salute l’ordinanza individua anche questioni di carattere ambientale: la quantità di mozziconi di sigarette che restano al suolo superano le deiezioni canine sui marciapiedi. L’ordinanza accenna anche alla previsione di «consentire di fumare solo ed esclusivamente in zone appositamente individuate». Ma oltre a questioni di ordine pratico, come la salute e le cicche e relativi pacchetti lasciati per terra, l’ordinanza si sofferma anche su una questione di ordine morale. «Va evitato - si legge nel provvedimento sindacale - l’esempio deteriore che rappresenta per i giovani frequentatori dei parchi pubblici, generazionalmente dotati di spirito di emulazione, la visione di adulti intenti a fumare».

Lo stesso Marco Tedde a commento della sua ordinanza evidenzia: «I giardini e i parchi sono luogo di incontro e socializzazione, dove interagiscono generazioni diverse e quindi meritano una particolare tutela in termini di realizzazione dei presupposti per impedire lo scadimento della qualità urbana». L’ordinanza prevede sanzioni per i trasgressori, come nei
casi di proprietari di cani privi di sacchetto e paletta, e presumibilmente si tratterà delle stesse previste dal divieto di fumo nei locali pubblici. E’ possibile che lo stesso provvedimento di divieto appena assunto dal sindaco Marco Tedde per gli spazi verdi verrà adottato anche sulle spiagge.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller