Nell’agro di Chiaramonti una preziosa testimonianza archeologica

Le domus de janas di Su Murrone

Chi cercava una guida dettagliata agli antichi monumenti dell'isola l'ha appena trovata nella collana «La Sardegna. I tesori dell'archeologia» che «La Nuova» sta finendo di pubblicare in questi giorni. Nei dieci volumi che le danno corpo sono descritti infatti non solo i «pezzi» più noti di questa grande collezione a cielo aperto, ma anche altri meno celebrati, o messi in luce di recente.  Come le domus de janas di Su Murrone. Sono in territorio di Chiaramonti, ma per vederle non è necessario arrivare al paese. Al chilometro 19 della Sassari-Tempio si apre la deviazione per Su Bullone. Si percorre un chilometro e mezzo di una stradella sino a quando, in una leggera discesa, si divide in due per poi ricongiungersi a fondo valle: nell'area al centro si trova la necropoli, che è stata scavata alla fine degli anni Novanta.  In origine c'era un banco di trachite in leggero pendio, così che gli scalpellini hanno dovuto scavare dei corridoi per poter disporre di una parete frontale nella quale aprire l'ingresso, e procedere poi allo scavo dei vani interni.  L'esame dei reperti ha dimostrato che le sepolture sono state inaugurate nel corso del Neolitico recente, che va dal 3300 al 2500 avanti Cristo, e riutilizzate poi a più riprese, nelle Età del Rame e del Bronzo antico, sino all'epoca romana.  Le tombe messe in luce sono tre, tutte del tipo «centripeto», ossia con una camera principale sulla quale si aprono gli accessi alle sepolture singole. La più grande è quella detta «Tomba I». Si riconosce perché a fianco del portello
d'ingresso è scavata una nicchia, come per custodire una piccola statua. L'entrata è ristretta, ma vale la pena di compiere le manovre necessarie per vedere il soffitto del vano maggiore: riproduce infatti il tetto di un'abitazione dei vivi, con la trave centrale e tutte le travi minori laterali.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro