“Nuova” e lettori: 90mila euro alla scuola gravemente danneggiata dall'alluvione

Sottoscrizione al traguardo: da cittadini, azienda e dipendenti i fondi per arredi e aula informatica della Maria Rocca a Olbia

SASSARI. Dal 18 novembre a oggi, la macchina della solidarietà per i danni dell’alluvione nell’isola non si è mai fermata neppure un giorno.

La Nuova Sardegna, nell’immediatezza del disastro, aveva lanciato una sottoscrizione partendo con una quota depositata dai giornalisti, dai tipografi, dal personale amministrativo e dall’azienda editoriale e aprendola poi, sul conto numero 0434 070361466 della filiale 6 del Banco di Sardegna di Sassari, a tutti i lettori che volessero aderire.

Ora, a distanza di poco più di 50 giorni dall’alluvione, il risultato della nostra raccolta fondi ha portato alla quota complessiva, aggiornata a venerdì, di 90.014 euro.

Un ottimo risultato, di cui ringraziamo la generosità dei lettori, e che ci permette di tirare le somme dell’operazione e passare alla fase dell’utilizzazione di quanto raccolto. Le possibilità di impiego ci sono subito parse, naturalmente, molteplici e tutte più che giustificate. La calamità è stata di tali proporzioni che ha reso davvero estremamente difficile prendere una decisione. Alla fine, si è ritenuto di indirizzare i fondi ad uno scopo ben concreto e al tempo stesso altamente simbolico, che dia il senso della fiducia e della volontà tenace di ricostruzione.

Si è dunque deciso, facendo riferimento al Comune di Olbia come zona più colpita, di prendere contatto direttamente con il sindaco Giovannelli e il vice-sindaco Careddu consultandoci con loro (sulla base della conoscenza diretta delle necessità e delle opportunità di intervento) per individuare l’utilizzo della sottoscrizione.

È stata segnalata come una delle priorità la riapertura (in altro sito rispetto a quello devastato dall’alluvione) della Scuola ex-Maria Rocca e quindi ben volentieri abbiamo aderito all’indicazione affinchè i 90mila euro raccolti dalla Nuova Sardegna e dai suoi lettori vengano impiegati per la scuola primaria, una volta ricostruita: verranno quindi utilizzati

per la dotazione degli arredi scolastici e per l’offerta didattica realizzando una completa e moderna aula informatica con postazioni computer e relative attrezzature per gli alunni.

Un grande ringraziamento va ancora una volta alla generosità dei nostri lettori e alla loro sensibilità.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro