Muore dopo incidente, l’auto era rubata

Allevatore 29enne “scaricato” in ospedale a Nuoro da ignoti soccorritori, un ferito abbandonato al San Martino di Oristano

SILANUS. È stato scaricato davanti al pronto soccorso dell’ospedale di Nuoro in un lago di sangue, il lungo intervento chirurgico al quale è stato sottoposto immediatamente dopo il ritrovamento non è riuscito a salvare la vita di Michele Cuccuru, 28 anni, di Silanus. Il giovane è morto in ospedale per le gravissime lesioni interne riportate in un misterioso incidente con un’auto rubata accaduto intorno alle quattro del mattino lungo la strada rurale di “Chisterru”, che collega l'agro di Silanus con quello di Bolotana. Un amico (Giovanni Pes, 27 anni, anche lui di Silanus), che probabilmente era a bordo della stessa auto rubata, è rimasto ferito ma non è in pericolo di vita. I due amici sono stati scaricati e abbandonati davanti agli ospedali di Nuoro e Oristano da altri che avrebbero organizzato una messinscena per non far capire agli investigatori come erano andate realmente le cose.

Più o meno alla stessa ora in cui Michele Cuccuru veniva abbandonato in condizioni disperate davanti all’ospedale San Francesco di Nuoro, l’amico Giovanni Pes veniva lasciato davanti al pronto soccorso dell’ospedale San Martino di Oristano con ferite varie e alcune costole fratturate.

Gli inquirenti mantengono il massimo riserbo su tutta la vicenda ancora tutta da chiarire, ma le indagini hanno giàù confermato che i due episodi sono strettamente collegati. Qualche ora dopo i ricoveri di Michele Cuccuru e Giovanni Pes, i carabinieri della stazione di Bolotana, che stavano eseguendo un normale servizio di perlustrazione in campagna, hanno trovato una Fiat Uno ridotta a rottame lungo la strada intercomunale Durgui-Antoni Masala, che mette in comunicazione la provinciale 17 Bolotana-Ottana con la provinciale 6 Dualchi-Silanus. Dagli accertamenti è emerso che la Fiat Uno era stata rubata nella notte nel centro abitato di Bolotana. All'interno della macchina c'erano tracce di sangue: particolare che ha fatto subito scattare l'allarme e partire gli accertamenti nelle varie strutture ospedaliere.

A Nuoro intanto Michele Cuccuru, che aveva il fegato spappolato, una ferita alla testa e soprattutto una imponente emorragia interna, veniva sottoposto a un delicato intervento chirurgico. I medici hanno cercato di tamponare le gravissime lesioni e il giovane è rimasto per ben sette ore sotto i ferri, ma non c'è stato niente da fare. Il suo cuore ha cessato di battere poco dopo mezzogiorno. Ora la salma è a disposizione della magistratura che ha già disposto la perizia necroscopica.

I due giovani, insieme ad altri amici sui quali sono in corso accertamenti dei carabinieri per risalire all’identità, avevavo partecipato a una festa a Bolotana e per rientrare a casa a notte fonda avrebbero rubato una Fiat Uno. Con la quale si sono diretti verso Silanus. In un tratto particolarmente tortuoso, la Fiat Uno è finita in cunetta ribaltandosi più volte. Ad avere

la peggio è stato Michele Cuccuru che è stato subito soccorso (resta da appurare da chi) e abbandonato in un lago di sangue davanti all'ingresso del pronto soccorso dell'ospedale di Nuoro. Nessuna traccia dei soccorritori che si erano attivati per accompagnarlo ancora in vita all'ospedale.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro