Monsignor De Magistris nominato cardinale

Papa Francesco all’Angelus indica anche l’arcivescovo tra i nuovi porporati Il prelato è raggiunto dalla notizia nella cattedrale di Cagliari durante la messa

CAGLIARI. Anche un sardo tra i 20 nuovi cardinali annunciati da Papa Francesco all’Angelus di ieri: monsignor Luigi de Magistris, arcivescovo titolare di Nova, pro-penitenziere maggiore emerito. Fa parte della lista dei cinque arcivescovi e vescovi, chiamati alla porpora cardinalizia, «che si sono distinti – ha detto il pontefice – per la loro carità pastorale nel servizio alla Santa Sede e alla Chiesa. Essi rappresentano tanti vescovi che, con la stessa sollecitudine di pastori, hanno dato testimonianza di amore a Cristo e al popolo di Dio sia nelle chiese particolari, sia nella curia romana, sia nel servizio diplomatico della Santa Sede». Poco dopo mezzogiorno hanno suonato a festa le campane della cattedrale cagliaritana, dove monsignor De Magistris, 88 anni, celebra quotidianamente la messa e ascolta per ore le confessioni. Anche ieri era al suo posto nel confessionale della terza cappella della navata destra del duomo, mentre sull’altare un prete proclamava a voce alta il “Credo”, interrotto improvvisamente dal parroco che gli sussurra la notizia: «Monsignor De Magistris nominato cardinale». Il tempo di concludere l’atto di fede e quindi la comunicazione ai fedeli. Celebrazione brevemente interrotta per gli auguri dei fedeli che numerosi si avvicinano al monsignore, colto di sorpresa dall'annuncio. Dalla Santa Sede nessun preavviso. Lapidario il primo commento del neo porporato - per la verità mai di molte parole, se non dall’altare con omelie dove spezza, sapientemente e comprensibilmente, davanti ai fedeli la sua enorme cultura teologica - : «Ringrazio il Santo Padre, ma la cosa veramente importante alla mia età è salvarsi l'anima». Fine di tutto. Al termine della messa, accompagnato come sempre dai nipoti, rientro nella casa di famiglia in via La Marmora, cuore del quartiere Castello, dove è nato il 23 aprile 1926, ha sempre vissuto con i genitori e fratelli, alcuni dei quali hanno dato lustro al casato e anche alla città. A cominciare dal papà, Edmondo De Magistris “dottor Mondino” per i castellani, “medico dei poveri”, valido internista nella Cagliari degli anni Trenta e Quaranta. Tra i fratelli di monsignor Luigi, l'ex sindaco di Cagliari Paolo (da primo cittadino ha ricevuto Paolo VI e Giovanni Paolo II), Ignazio (giornalista Rai negli anni '50 e '60 e '70), Casimiro (prefetto di Sassari e capo di gabinetto del presidente Antonio Segni).

Una vita al servizio della Chiesa. A quella di Cagliari: studente al liceo Dettori, dirigente dei movimenti giovanili di azione cattolica, congregazione mariana e federazione universitari cattolici. Il giorno dopo la laurea sale sul piroscafo per Civitavecchia per presentarsi al pontificio seminario romano: vuole farsi prete. Il 12 aprile 1952 l'arcivescovo Paolo Botto gli conferisce il sacerdozio. Dopo brevi esperienze pastorali in diocesi, è chiamato a Roma all'università lateranense, nel Sant'Uffizio e nella segreteria di Stato. Per molti anni reggente della penitenzeria apostolica, è stato l'iniziatore dei corsi annuali di aggiornamento dei preti giovani. Di grande modestia e sobrietà, conservata anche dopo la promozione all'episcopato il 28 aprile 1996. Uniche insegne vescovili - era pro-penitenziere maggiore col titolo di arcivescovo - l'anello pastorale e la croce in ferro. Per il resto una semplice talare nera. Programmatico il suo motto episcopale: “Iuste iudica proximo”, quello della sua stessa famiglia, “giudica rettamente il prossimo”. «Posso affermare che in 50 anni di sacerdozio non ho mai negato a nessuno il Sacramento della penitenza", ha detto il nuovo porporato ai giovani preti intervenuti alla celebrazione del suo giubileo sacerdotale. Felice l'arcivescovo Arrigo Miglio,

forse l'unico informato con leggero anticipo dalla segreteria di Stato sulle intenzioni del Sommo Pontefice. «Senza dubbio – dice Miglio – la decisione di Papa Francesco è un riconoscimento della carità pastorale con la quale monsignor De Magistris ha reso il proprio servizio alla Chiesa».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller