l’ex presidente contesta i dati della giunta

Entrate, Cappellacci all’attacco

«La Regione incassa trecento milioni in più? No, in meno»

CAGLIARI. «Oggi lo Stato eroga alla Sardegna cinque miliardi, nella scorsa legislatura cinque miliardi e trecento milioni: purtroppo la matematica dice che la Regione ha 300 milioni in meno e non in più rispetto agli anni precedenti, ma soprattutto che la vertenza entrate è più aperta di prima e che ritirare i ricorsi è un atto a dir poco imprudente»: lo dichiara Ugo Cappellacci, consigliere di Forza Italia ed ex presidente della Regione.

«Anzi – continua – la vertenza è aggravata dagli scippi perpetrati dal governo Renzi: i 300 in meno di patto di stabilità per il 2014, gli 84 milioni in meno di risorse Fsc, i 65 milioni per coprire gli 80 euro renziani, i 388 milioni prelevati con la legge di stabilità 2015 (97 ogni anno). Se è assodato che il governo fa il gioco delle tre carte, è inaccettabile che la giunta regionale reciti o la parte del pollo o quella del compare che finge di vincere cifre mirabolanti per attirare con l’inganno altri giocatori. Se la giunta ha ottenuto in concreto i successi di cui parla e ci sono risorse in più, perché nell’assestamento di bilancio prima e nella Finanziaria poi si trova solo il segno meno e si continua a tagliare le risorse destinate all’Agricoltura, al Lavoro e agli Enti locali? Per quanto riguarda questi ultimi, resta aperta una questione tutt’altro che secondaria: la legge che liberava il Fondo unico dal patto di stabilità, approvata nella scorsa legislatura, è tutt’ora vigente e lo è stata fin dalla sua approvazione: nessuno l’ha impugnata e nessuno, nonostante così fosse scritto nell’accordo patacca Pigliaru-Padoan, l’ha abrogata».

«Vogliamo sapere – conclude Cappellacci –, e chiederemo chiarimenti in consiglio regionale, se la giunta, con un atto di sottomissione unico nella storia dell’Autonomia, si sia permessa di disattendere le norme di una legge regionale per spirito di cortesia verso il governo amico. Sarebbe un raro esempio di sovranismo alla rovescia. La giunta comprenda

che la battaglia sulle entrate non si vince nascondendola o negandola ma unendo le forze per difendere i soldi dei sardi. Più volte abbiamo dato la nostra disponibilità a proseguire insieme una rivendicazione che prescinde dalle maggioranze del momento, ma l’esecutivo è andato per conto suo».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community