Bispuri guida la pattuglia italiana a Berlino

Oggi al via il concorso, con la giovane esordiente che presenta il film “Vergine giurata”

BERLINO. Alla edizione 2015 del Festival internazionale del cinema che si apre oggi l'Italia corre con una storia davvero singolare di doppia identità sessuale, “Vergine giurata”, dell'esordiente Laura Bispuri, mentre nella sezione Special scende in campo il film “Torneranno i prati” di Ermanno Olmi. E ancora, alla Berlinale 2015 approdano “Cloro” di Lamberto Sanfelice, “Short skin” di Duccio Chiarini e “Il gesto delle mani” di Francesco Clerici. Sul fronte tv una delle fiction più attese dell'anno: “1992”, la serie di Sky su Mani Pulite con protagonista Stefano Accorsi, aprirà lunedì 9 la sezione dedicata alle storie televisive con il racconto di una delle pagine più inquietanti e per certi versi ancora oscure della storia italiana.

Protagonista di “Vergine giurata” della giovane regista romana Bispuri, già vincitrice con i corti di un David di Donatello e di un Nastro d'Argento, è Alba Rohrwacher. Girato tra l'Albania e Bolzano, il film è ispirato all'omonimo romanzo di Elvira Dones (Feltrinelli) che racconta di una pratica tribale: il Kanun. Una legge che permette a una donna albanese, se giura di rimanere vergine, di avere gli stessi diritti dei maschi. È il caso appunto di Hana, bambina cresciuta sulle montagne albanesi che, per sfuggire al suo destino, si appella a questa legge della sua terra prendendo il nome di Mark e rinunciando così ad ogni forma d'amore.

“Torneranno i prati” di Olmi con Claudio Santamaria, Alessandro Sperduti, Francesco Formichetti e Andrea Di Maria, racconta di una lunga notte in trincea in cima all'altopiano di Asiago. Siamo nell'inverno del 1917 e nessuno degli sfortunati soldati dell'avamposto conosce il suo destino da lì a poche ore. Il regista de “Il mestiere delle armi” rende omaggio alla generazione della prima guerra mondiale con un film sobrio e doloroso.

La serie “1992”, che andrà in onda su Sky Atlantic a fine marzo, avrà a festival di barlino la sua vetrina internazionale. Prodotta da Wildside e diretta da Giuseppe

Gagliardi (Tatanka) da una idea di Stefano Accorsi, ha tra i protagonisti lo stesso Accorsi, nel ruolo di uno spregiudicato manager pubblicitario, e, tra gli altri, Guido Caprino, Tea Falco, Miriam Leone, Alessandro Roja e Domenico Diele con anche, tra le altre, apparizioni di Bebo Storti.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro