tasse

Pressione fiscale, contribuenti sardi 15esimi in Italia

Ogni contribuente della Sardegna versa in media 6.358 euro all'anno per 22 tributi diversi. Confartigianato: essere così in basso in questa classifica non vuol dire essere fortunati ma poveri

CAGLIARI. Seimila e 358 euro: è quanto ogni contribuente della Sardegna paga ogni anno in tasse, a saldo di ben 22 tributi diversi. I contribuenti sardi, comunque, figurano solo al 15esimo posto della classifica nazionale della pressione fiscale, guidata dai lombardi con oltre 11mila euro pro capite e chiusa dai siciliani con poco più di 5.500. La media nazionale di 8.824 euro pro capite.

L’80,7% del gettito è incassato dallo Stato, appena il 10,2% va alle Regioni e solo il 9% a Comuni e Province, secondo un’elaborazione del Centro studio della Cgia di Mestre in base a dati Mise e Istat del 2012.

«Nonostante siamo quasi 2.500 euro sotto la media nazionale _ evidenza Stefano Mameli, neo segretario regionale di Confartigianato nel rilanciare i dati _ ciò non significa essere fortunati. La quota di contributi è sempre maggiore rispetto alla situazione economica generale e dei servizi. Una cosa è parlare di tassazione dove il reddito medio è di circa 40mila euro, come nella provincia di Bolzano, un’altra è parlare di zone con sopravvivono con 12mila euro, come accade nel Medio Campidano», appena qualche giorno fa certificata dall’Istat come la provincia più povera d’Italia assieme al Sulcis-Iglesiente. «E, ovviamente, è diverso parlare di territori che hanno ogni tipo di servizio contro chi non ha, per esempio, strade, treni, sviluppo e occupazione».

L’analisi della Cgil di Mestre ha considerato lavoratori dipendenti, autonomi, imprese e pensionati sui quali gravano, a vario titolo, otto tributi nazionale (dall’Irpef alle imposte ipotecarie), sei regionali (dall’Irap alla tassa per il diritto allo studio universitario), tre provinciali (dall’Rc auto al tributo per la tutela dell’ambiente) e cinque comunali (dall’Imu alla Tari).

«Ricordiamo che questi

dati», precisa il segretario di Confartigianto imprese Sardegna, «si riferiscono alle dichiarazioni 2012 e che per il 2015 e 2016 la tassazione non promette nulla di buono: quest’anno la pressione fiscale dovrebbe attestarsi al 43,2%, mentre per il prossimo anno si potrebbe toccare il 43,7%».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community