Nella Mercedes 7 chili di cocaina

Arrestato ex muratore incensurato: riceveva l’assegno per gli indigenti

CAGLIARI. Negli ultimi cinque anni ha dichiarato duemila euro di reddito in tutto e il Comune di Valmadrera in provincia di Lecco dove risiede gli erogava ogni mese l'assegno per gli indigenti ma Giuseppe Scalzi, 62 anni, tre figli, ex muratore, si era organizzato una fonte alternativa di reddito: il traffico di droga. Martedì 19 maggio 2015 alle porte di Cagliari è stato fermato dai carabinieri del nucleo investigativo provinciale agli ordini del capitano Michele Cappa con sette chili di cocaina pura, valore sul mercato quasi un milione di euro.

L'uomo è stato arrestato con l'accusa di detenzione a fini di spaccio ma secondo gli investigatori è possibile che facesse parte di una rete di trafficanti in cui lui, insospettabile incensurato, poteva essere inserito con ruoli ancora da chiarire. Uno, di sicuro, era quello di corriere. Viaggiava con la Mercedes di sua proprietà, quando i carabinieri lo hanno fermato era chiara la sorpresa, non ha saputo dare troppe spiegazioni sul perché fosse in Sardegna, da dove arrivasse e soprattutto dove fosse diretto e quindi è cominciata la perquisizione dell'auto che lui ha cercato di evitare, anche se ostentava sicurezza e forse non a torto perché la droga è stata finalmente trovata dopo lo smontaggio completo dell'auto. La cocaina era in un vano creato apposta, sui panetti stampata la manina con l'ok, il "mi piace" di Facebook, particolare nuovo nella storia criminale sarda perché altri simboli sono stati annotati dagli investigatori sui marchi che hanno qualcosa a che fare con la provenienza della droga o con le stazioni di confezionamento, il like non si era mai visto. Le indagini continuano. Durante la conferenza stampa il capitano Michele Cappa e il colonnello Ivan Giorno, comandante del reparto

operativo provinciale hanno omesso di indicare il punto esatto in cui Scalzi (originario della Calabria), è stato trovato: forse la direzione che il corriere stava scegliendo può rivelare qualcosa degli acquirenti in attesa. Giuseppe Scalzi è stato portato nel carcere di Uta. (a.s.)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community