festival

La Notte dei Poeti, si alza il sipario

Oggi il via. Appuntamenti in calendario a Nora, Carbonia e Alghero

PULA. La Notte dei Poeti, su il sipario. Uno degli appuntamenti più illustri della estate spettacolare sarda, nato trentatrè anni fa nel suggestivo catino del teatro romano di Nora, prende il via questa sera alle ore 22 nello spazio dell’ex municipio con un concerto speciale che inaugurerà una rassegna altrettanto speciale.

La Notte dei Poeti infatti da questo anno diventa regionale con la proliferazione di altri cartelloni, oltre a Nora, anche al Monte Sirai di Carbonia e ad Alghero, nel Largo Lo Quarter con un programma di nomi eccellenti e appuntamenti da non perdere.

Come quello di questa sera che vedrà assieme sullo stesso palco il magnifico coro Cuncordu e tenore di Orosei (uno dei più aperti nell’isola all’incontro con altre realtà musicali) in compagnia dei maestri del canto mongolo Tsogerei Tserendavaa e Ganzoring Nergui. Un incontro che nei giorni scorsi, nei live di rodaggio alla Cittadella dei Musei e a S’Isula di Orosei, ha incantato il pubblico per la forza e l’originalità degli impasti vocali e sonori. “Voci Nomadi”, così si intitola la serata (che è anche e soprattutto un progetto promosso dal Festival des Musique sacrées de Fès dove i sette musicisti si sono incontrati per la prima volta e hanno eseguito anche la prima mondiale di questo concerto), è un interessante connubio tra le migliori polifonie della nostra isola con quelle voci uniche della tecnica Khoomij della Mongolia che si accompagnano al suono di strumenti antichi come il flauto tsuur, la viella morin-khuur e il liuto tovshuur.

Il concerto inaugurale è anche quello che idealmente rappresenta in questa edizione l’omaggio ai grandi maestri, filo rosso di tutti i calendari. Che per quanto riguarda il teatro romano di Nora riprenderanno tra dieci giorni, il 10 luglio alle ore 20 (tutti gli appuntamenti saranno al tramonto) con una produzione originale che vede assieme il produttore Frantziscu Medda, “Arrogalla” autore dell’installazione sonora e delle elaborazioni elettroniche di “#Koi/Cantando danzavamo” ispirato al romanzo di Sergio Atzeni “Passavamo sulla terra leggeri”, danzata da Chiara Murru. A seguire, il giorno dopo una formidabile accoppiata è quella dell’attore Stefano Accorsi in “Giocando con Ariosto-Assolo” con Marco Baliani, autore dell’adattamento teatrale. Altra coppia imperdibile, ancora il giorno dopo, il 12, è quella di Sandro Lombardi e David Riondino in scena in “Inferno Novecento!, con la regia di Federico Tiezzi. Cinque giorni dopo, il 17, spazio alle canzoni d’autore di Ivan Segreto in trio con Christian De Cicco e Roberto Pistolesi alla batteria. Lo stesso live apre il cartellone di Alghero il giorno dopo. Mentre a Nora saranno si scena il 18 “Edipus” di Testori con Eugenio Allegri, il 19 Erri De Luca con “La Musica provara” e infine Enrico Bonavera il 24 con “I segreti di Arlecchino” ad Alghero spazio ai primi ballerini della Sacal Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta

con “In Chopin”. Il 31 altra danza, “Contermporary Tango” con Kledi Kladiu. Il 1 agosto c’è Irene Grandi in acustico, il 4 Anna Tifu e Gloria Campaner e il 7 live jazz con Sissoko, Don Moye e Antonello Salis. A Carbonia il 5 luglio il coro di Gonville, l’11 “Koi” e il 26 jazz con i Roundella.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller