No a Trident Juncture, sale la tensione a Capo Teulada: manifestano in mille

Un imponente schieramento di forze dell’ordine è stato predisposto in difesa del poligono dove stamane, nei pressi della struttura militare, è stata organizzata una manifestazione contro la grande esercitazione Nato che coinvolge anche l'isola

TEULADA. Sono diventati oltre un migliaio gli antimilitaristi che da questa mattina stanno protestando contro l’esercitazione della Nato Trident Juncture nei pressi del poligono di Capo Teulada. Scandendo slogan, il colorato corteo - al quale il questore di Cagliari ha negato il permesso di manifestare vicino al poligono - sta tornando verso Porto Pino dopo aver marciato in direzione di Giba.

Qui infatti erano stati indirizzati dalla polizia i tre pullman carichi di attivisti che non hanno passato il posto di blocco a causa della presenza di due persone che avevano ricevuto un foglio di via. I due, per consentire agli altri manifestanti di proseguire, hanno deciso di attendere a Giba la fine della protesta.

Ore 11. Un imponente schieramento di forze dell’ordine è stato predisposto in difesa del poligono di Capo Teulada (Sulcis) dove stamane, nei pressi della struttura militare, è stata organizzata una manifestazione contro la Trident Juncture 2015, la grande esercitazione della Nato che coinvolgendo anche i poligoni isolani.

Teulada, centinaia in corteo contro Trident Juncture PORTO PINO. Alcune centinaia di persone, davanti al poligono di Teulada, manifestano contro la maxi esercitazione Trident Juncture della Nato che coinvolgono che le strutture militari della Sardegna. (video Mario Rosas) LEGGI L'ARTICOLO

leggi anche:

Il sit-in degli antimilitaristi nelle vicinanze della recinzione non è stato autorizzato dal questore di Cagliari che ha imposto agli attivisti di stare lontani dal filo spinato.

Un centinaio le persone già arrivate a Porto Pino, luogo nel quale i manifestanti contro l’esercitazione Nato si sono dati appuntamento per poi organizzare un corteo lungo la recinzione del poligono.

Almeno un altro centinaio, ma probabilmente parecchi di più, quelli in arrivo da Cagliari su tre pullman che sono stati bloccati dalle forze dell'ordine a qualche chilometro da Porto Pino. Tutti manifestanti sono stati fatti scendere dai bus per l'identificazione. Polizia e carabinieri verificando che non ci siano persone con foglio di via.

Lo stop ha fatto salire la tensione. I manifestanti arrivati davanti al poligono da ieri sera avrebbero deciso di andare incontro a coloro che sono stati bloccati. Si temono incidenti.

 

 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community