I fratelli di Furcas: «Il dolore non passa, la ferita resta aperta»

CAGLIARI. Indossano tutti la maglietta rossa. Un colore forte che vuol dire anche speranza. Speranza che prima o poi si sappia la verità. Sulla t-shirt una scritta che fa venire i brividi: hashtag e...

CAGLIARI. Indossano tutti la maglietta rossa. Un colore forte che vuol dire anche speranza. Speranza che prima o poi si sappia la verità. Sulla t-shirt una scritta che fa venire i brividi: hashtag e «Io sono 141». Centoquarantuno, uno in più di 140, il numero delle vittime che morirono nell’incidente della Moby Prince davanti al porto di Livorno. Sulla schiena un’altra scritta: «Verità e giustizia sul Moby Prince». Elia e Maria Rosaria Furcas, fratello e sorella, sono arrivati da Silius per dire ancora una volta, in occasione della cerimonia di commemorazione in aula consiliare a Cagliari, ecco ci siamo. Siamo pronti. Ad aspettare e a combattere. Non vogliono riflettori su di loro. Ma cercare la verità per quel fratello, Daniele Furcas, che si stava ricostruendo una vita con il ritorno in Sardegna. E invece su quel traghetto, appena partito, ha trovato la morte, a 33 anni. Insieme a sua moglie, Gabriella Soro, 30 anni non ancora compiuti. È passato un quarto di secolo, ma Maria Rosaria, solo nel ricordare quello che è successo, si dispera ancora. Gli occhi, inevitabilmente, si riempiono di lacrime. «Daniele e Gabriella – rammenta– erano una bella coppia, sposati da appena due anni. Stavano in Toscana, ma, per scelta di vita, avevano deciso di ripartire dalla Sardegna. Quello era il loro viaggio di ritorno a casa. Pensi che avevano già spedito i mobili in Sardegna. Quando i mobili sono arrivati nell’isola, loro non c’erano più».

Momenti tragici. «Nostra madre – racconta – aveva saputo tutto dal telegiornale. Mio padre le diceva: non è vero, non è vero. E invece, purtroppo era proprio vero». E ora rimane la voglia di combattere. «Abbiamo aspettato – spiega Elia – e aspetteremo ancora. Il dolore rimane, ma vogliamo sapere: noi siamo convinti che ci siano delle cose che non ci sono state dette. E noi, queste cose, abbiamo il diritto di conoscerle». Livorno, un porto che non si dimenticherà mai. «Quello che non riusciamo a capire – continua il fratello di Daniele Furcas – è come sia potuta succedere una cosa del genere: come è possibile immaginare che una manovra di routine, con tanti accorgimenti sulla sicurezza in atto, sia potuta finire in una maniera così tragica? Non è una situazione comune. Anzi ci sembra, per come ci è stata

prospettata, una situazione unica. Ripeto: siamo convinti che bisogna continuare a insistere per vederci più chiaro». Grande fiducia nella commissione parlamentare di inchiesta. Gli occhi si illuminano. «Sì, ci sembra che stia andando nella direzione giusta. Abbiamo il diritto di sapere».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community