sentenza d’appello

Il delitto di Guamaggiore, omicida condannato a 10 anni

CAGLIARI. Pena ridotta per l'omicida di Antonio Pusceddu, l'ex sindaco di Guamaggiore assassinato nelle campagne del paese il 19 dicembre 2013. La Corte d'assise d'Appello ha condannato a dieci anni...

CAGLIARI. Pena ridotta per l'omicida di Antonio Pusceddu, l'ex sindaco di Guamaggiore assassinato nelle campagne del paese il 19 dicembre 2013. La Corte d'assise d'Appello ha condannato a dieci anni e mezzo di carcere Salvatore Caria, il pensionato di 75 anni che aveva ucciso il vicino di terreno tra i filari della vigna. I giudici di primo grado gli avevano inflitto 12 anni di reclusione. Il collegio presieduto da Grazia Corradini ha ricalcolato la pena riducendo di un anno e mezzo la carcerazione. Accolte dunque le richieste degli avvocati difensori Francesco Marongiu e Franco Villa. Al pensionato era già stato riconosciuto in primo grado la parziale infermità mentale. All'origine dell'omicidio - poi confessato da Caria - ci sarebbe stato un banale contenzioso tra confinanti per un filare di vigna. Ossessionato da quella che considerava un'ingiustizia, il pensionato aveva fatto fuoco col suo fucile contro

Antonino Pusceddu, sindaco del paese del 1985 al 1990. In aula erano presenti anche i familiari dell'ex amministratore ucciso, costituitisi parte civile. A rappresentare l'accusa c'era il sostituto procuratore Giancarlo Moi che aveva invece chiesto una condanna ad oltre 14 anni di carcere.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller