Spaccio a scuola, tredici arresti

Operazione “Camaleonte” tra Sant’Antioco e Cagliari, sequestrati droga e soldi

SANT’ANTIOCO. Tredici misure cautelari, cinque chili e mezzo di hashish e altra droga e soldi recuperati: secondo i carabinieri tre bande movimentavano un traffico di un chilo di droga alla settimana per il mercato sulcitano e un chilo al giorno per quello cagliaritano. È il risultato dell’operazione denominata Camaleonte, condotta dalla stazione dei carabinieri di Sant’Antioco in collaborazione con la Direzione centrale dei servizi antidroga che ha portato all’emissione di misure cautelari nei confronti dei componenti di due dei tre gruppi. Le indagini, andate avanti per circa un anno, erano state avviate dopo una serie di segnalazioni di genitori e professori sullo spaccio di droga davanti alle scuole di Sant’Antioco. Il primo gruppo criminale agiva a Cagliari ed era gestito da Jonathan Pirina, di 25 anni, e da Roberto Bollea, di 45 anni, controllava lo spaccio di Cagliari della Marina e del quartiere Sant’Eulalia e quella di via Premuda, avvalendosi della collaborazione di numerosi giovani, tra cui alcuni minorenni.

Il secondo gruppo si muove va a Sant’Antioco ed era diretto da Enrico Cabras, manovale di 26 anni, che era spalleggiato da Mattia Fois, di 25 anni, e dalla fidanzata, El Marouany Rabab, ragazza marocchina di 20 anni. Anche questi tre si avvalevano di pusher minorenni e, secondo le accuse, vendevano lo stupefacente tra gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Sant’Antioco. Al termine delle indagini, per tredici persone sono scattate le misure cautelari. In carcere sono finiti Roberto Bollea di 45 anni, di Cagliari, pregiudicato, attualmente in affidamento ai servizi sociali; Enrico Cabras, di 26 anni di Sant'Antioco pregiudicato, manovale; Gianni Daga di 30 anni, pregiudicato, disoccupato; Mattia Fois, di 25 anni, di Sant'Antioco, pregiudicato, nullafacente; e Jonathan Pirina, di 25 anni di Cagliari, pregiudicato, attualmente sottoposto all’obbligo di dimora. Gli arresti domiciliari sono scattati per William Abis,

di 28 anni di Assemini, tipografo, pregiudicato; Rabab El Marouany, di 20 anni, studentessa di San Giovanni Suergiu, Filippo Virgilio Falchi, di 23 anni, di Cagliari, pregiudicato. Altre quattro persone sono state raggiunte da provvedimento di obbligo di dimora. (Gianfranco Nurra)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro