Vai alla pagina su Elezioni comunali 2016

Sindaci, consiglieri e doppia preferenza: ecco come si vota

Urne aperte in 99 Comuni, tra cui Cagliari, Olbia e Carbonia. Le modalità di voto nei centri con oltre 15mila abitanti

SASSARI. Domani dalle 7 alle 23 si vota per l’elezione del sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale in 99 comuni della Sardegna, mentre in due centri, Anela e Austis per il secondo anno di fila non sonostate presentate liste. Solo sei - Cagliari, Olbia, Carbonia, Sinnai, Monserrato e Capoterra - hanno una popolazione superiore a 15mila abitanti. In queste sei città le modalità di espressione del voto sono diverse dagli altri comuni.

Quest’anno è stata introdotta la cosiddetta preferenza di genere, in pratica per il Consiglio comunale si possono esprimere anche due preferenze, purché una sia per un uomo e un’altra per una donna, ma entrambi devono essere candidati nella stessa lista. I nomi dei candidati al Consiglio comunale deve scriverli sulla scheda l’elettore, che troverà due righe accanto al simbolo della lista scelta.

I nomi dei candidati sindaco, invece, sono già stampati sulla scheda. Se ne può votare uno soltanto e per farlo l’elettore dovrà contrassegnare il nominativo prescelto con una croce. Come per le passate elezioni è previsto che si possa esprimere anche il voto disgiunto, cioè votare il candidato sindaco di uno schieramento e dare la preferenza a uno o a due candidati di una lista di un altro schieramento. In definitiva, la scheda è concepita per esprimere il proprio orientamento su tre questioni: il candidato sindaco, la lista e il Consiglio comunale (preferenza unica o doppia). In questa pagina vi mostriamo ben nove modi, tutti validi, per esprimere il proprio voto domani a Cagliari, Olbia, Carbonia, Sinnai, Monserrato e Capoterra, dove qualora nessun candidato abbia conseguito la maggioranza assoluta dei voti validi è previsto un turno di ballottaggio per domenica 19 giugno sempre dalle 7 alle 23.

Nei paesi sotto i 5mila abitanti  unico voto e no al disgiunto Nei Comuni con popolazione inferiore a 5mila abitanti ogni elettore può manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale; in quelli tra 5mila e 15mila si possono manifestare non più di due voti di preferenza che però devono riguardare candidati di sesso diverso, a pena di annullamento della seconda preferenza. Nei comuni sotto i 15mila abitanti non è ammesso il voto disgiunto: la possibilità di votare il candidato sindaco di uno schieramento e dare la preferenza a uno o due candidati di una lista di un altro.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community