Usmanov, mega party con Bocelli e Carla Bruni per il nuovo yacht

Costa Smeralda, il magnate russo ex direttore di Gazprom Investholding inaugura a Porto Cervo il suo “Dilbar” lungo 150 metri e costato 500 milioni di euro

PORTO CERVO. Da oltre 15 anni ha fatto della Costa Smeralda la sua seconda casa, in cui trascorre l’estate tra il suo mega yacht, il Dilbar e la sua villa superprotetta a Romazzino. Ma Alisher Usmanov, ex direttore di Gazprom Investholding, patrimonio personale di 14 miliardi di dollari, questa volta ha voluto esagerare. È arrivato in Costa Smeralda con il suo nuovo yacht. Stesso nome del vecchio, Dilbar, ma qualche metro in più. Stanco della vecchia bagnarola da 110 metri varata nel 2008, ha deciso di scivolare tra le acque di Cala di Volpe con la sua nuova creatura lunga 156 metri, alta 30. Costo 500 milioni di euro e un centinaio di persone di equipaggio. Il suo è il quarto yacht al mondo per lunghezza. Tanto grande da dover restare in rada perché le banchine del porto non riescono ad accoglierlo.

Carla Bruni a Porto Cervo
Carla Bruni a Porto Cervo

Ma Usmanov ha voluto inaugurare in modo grandioso il suo nuovo giocattolo con una mega festa. Secondo alcune indiscrezioni, riportate dal quotidiano La Stampa, venerdì a bordo dello yacht ci sarebbe stato un party con invitati di eccezione. Tra loro anche Andrea Bocelli, Charles Aznavour e Carla Bruni, che a bordo del Dilbar si sarebbero anche esibiti. La festa si sarebbe conclusa con gli immancabili fuochi di artificio. E alla serata avrebbe partecipato, tra gli altri, anche il vicepremier russo Igor Shuvalov.

Qualche conferma indiretta all’indiscrezione si trova. Di certo Aznavour, Bocelli, Carla Bruni sono stati paparazzati mentre scendevano da un elicottero sull’elisuperficie “Villa La Contra” di Liscia di Vacca.

Porto Cervo, arriva Andrea Bocelli
Porto Cervo, arriva Andrea Bocelli

Impossibile non notare il giga yacht, una specie di traghetto, che passa ingombrante per le acque di Porto Cervo e che si ferma non lontano da un campo boe in cui Usmanov ormeggia il suo gioiello per chiudersi nella villa di Romazzino che aveva acquistato più di dieci anni fa del re delle cucine Antonio Merloni per una cifra vicina ai 30 milioni di euro.

Usmanov, 67esimo uomo più ricco al mondo secondo la classifica della rivista Forbes, non è solo il signore del gas. Nelle sue mani anche azioni di Facebook, ha investito sull’operazione 200 milioni di dollari, e di Apple, in cui ha messo 100 milioni di dollari. Ha interessi, attraverso la Mail.ru, anche in altri colossi come Twitter, Groupon, Zynga, AirBnB, ZocDoc, Alibaba e 360buy.

Usmanov non spende il suo denaro solo in ville, azioni e yacht. Tante le donazioni al Comune di Arzachena, a cui ha regalato ambulanze e mezzi antincendio. Il magnate russo tra le sue passioni ha anche il calcio.

Sua una delle squadre più importanti di Londra, l’Arsenal, in cui giocano Giroud e Ozil.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro