Trasporti, il Nord Ovest marcia su Cagliari: «Riportate subito Ryanair ad Alghero»

Davanti al palazzo della Regione attese stamattina 500 persone tra sindaci, consiglieri e operatori turistici. Tra le istanze anche quella di procedere alla ricapitalizzazione di Sogeaal, la società di gestione dell’aeroporto

ALGHERO. Questa volta sembra quella buona. Il territorio fa la voce grossa. Il Nord Ovest va a Cagliari per difendere il suo aeroporto, le sue velleità turistiche, il suo sviluppo e la sua dignità. Dopo un silenzio imbarazzante, una freddezza che per quasi un anno ha suonato come il peggior segnale di resa, come se l’addio di Ryanair e la crisi dei trasporti aerei – con tutto ciò di negativo che ne è derivato per il sistema economico locale – fossero fatti ineluttabili.

Cagliari, il video della protesta dei sindaci del Nord Ovest della Sardegna CAGLIARI. Diciannove tra sindaci e amministratori locali, con al seguito 250 cittadini arrivati con tre pullman e decine di auto dal Nord Sardegna. Tutti riuniti sotto il palazzo del consiglio regionale, in via Roma a Cagliari, per chiedere all'Assemblea sarda e alla Giunta di procedere senza indugio alla ricapitalizzazione della società di gestione dell'aeroporto di Alghero, la Sogeaal, rendendo così di nuovo appetibile lo scalo per Rynair, il vettore low cost che da novembre ha annunciato la chiusura della base a Fertilia. (video di Mario Rosas)

Da quando la crisi si è tradotta in numeri, a iniziare da quelli che danno Alghero come l’unica località turistica sarda che non è cresciuta nel 2016, limitando il risultato del territorio, tutti sembrano essersi svegliati. Istituzioni, operatori economici, forze sociali e cittadini comuni. Oggi arriveranno in massa a Cagliari, destinazione via Roma. All’ingresso del palazzo del consiglio regionale faranno sentire il fiato sul collo ai consiglieri regionali. Ai componenti del “parlamentino” isolano chiedono di approvare alla svelta la legge proposta dal vicecapogruppo di Forza Italia ed ex sindaco di Alghero, Marco Tedde, per la ricapitalizzazione di Sogeaal, la società di gestione dello scalo internazionale “Riviera del corallo”, il cui destino è condizionato dai problemi di cassa e da un percorso di privatizzazione che per un anno intero è rimasto al palo. In prima fila c’è il sindaco di Alghero, Mario Bruno. Sull’argomento suona la carica già da qualche mese.

L’ex consigliere regionale Pd ha aperto un contenzioso col suo partito di riferimento, andando allo scontro col presidente della Regione, Francesco Pigliaru, e criticando pesantemente l’assessore regionale dei Trasporti, Massimo Deiana. Insieme a lui ci sono gli assessori e i consiglieri comunali della Riviera del Corallo. I pullman diretti da Alghero a Cagliari sono due. Al loro interno prenderanno posto rappresentanti economici, albergatori, commercianti e altri operatori del comparto turistico.

Alla comitiva si uniscono gli amministratori, i rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati che sull’aeroporto sono allineati con Bruno già da inizio estate. Sono moltissimi, come i consigli comunali convocati per l’occasione alle porte del consiglio regionale. Anche la Rete metropolitana del Nord Ovest Sardegna, capeggiata dal sindaco di Sassari Nicola Sanna, stavolta è presente a ranghi completi. Da Sassari partirà un pullman con assessori e consiglieri comunali, una rappresentanza del Comune di Ozieri, Confartigianato e alcuni cittadini che da anni viaggiano da e per Dublino.

Ci sarà anche una rappresentanza dei Comuni di Porto Torres, Sorso, Sennori, Valledoria, Stintino e Castelsardo. Prevista una massiccia delegazione anche da Bosa. Ma non mancheranno i sindaci del “club dei cento” che Mario Bruno ha convogliato nel cartello pro Ryanair. In tutto, almeno 500 persone. Una delegazione guidata da Mario Bruno incontrerà i capigruppo del consiglio regionale.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro