Allarme terrorismo, la metà degli jihadisti è detenuta nelle carceri della Sardegna

La metà dei 44 islamici accusati in Italia di terrorismo internazionale sono detenuti tra Sassari e Nuoro. A Badu ’e Carros riaperta la sezione Alta sicurezza. A Bancali nell’ultimo anno 20 conversioni

SASSARI. L’isola come la Guantanamo italiana. La metà dei terroristi jihadisti sono rinchiusi in due carceri sarde. Bancali a Sassari, e Badu ’e Carros a Nuoro. In tutto in Sardegna i presunti jihadisti sono 20 su un totale di 44 in Italia. Sono tutti detenuti in strutture di Alta sicurezza. Prima erano concentrati nel carcere di Rossano Calabro, ma dopo gli episodi di giubilo per le stragi di Parigi e Bruxelles si è deciso di dividerli.

Sono tutti accusati di terrorismo internazionale. Una piccola parte di loro è stata anche condannata con sentenza definitiva. Sono tutti detenuti in regime di 41 Bis. Il carcere duro, riservato di solito ai boss della mafia. L’allarme è diventato

ancora più imponente dopo il monito lanciato dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller