Pensioni d’invalidità: è boom nell’isola

Domande in rialzo del 2,4% in un anno, il doppio della media nazionale. Sassari prima tra le province. La spesa complessiva è di 638 milioni di euro

CAGLIARI Assegni, indennità, pensioni: la Sardegna continua a chiedere e ottenere prestazioni di invalidità civile. Non al ritmo record dello scorso anno quando Oristano finirono rispettivamente al primo posto e Nuoro al terzo posto per incidenza del numero di pensioni di invalidità rispetto alla popolazione. Ma la tendenza è quella. Lo dicono i numeri resi noti ieri mattina durante i lavori del Comitato regionale dell'Inps.

Tabelle e grafici 2016 dicono ancora aumento. Con 136.714 prestazioni di invalidità civile, 3.210 in più rispetto a quelle dell'anno precedente. E con un incremento quasi doppio rispetto alla media nazionale.

La Sardegna, con il suo più 2.40 per cento, è al secondo posto dietro il Lazio, che viaggia invece a 3,70 per cento. La capitale sarda questa volta è la provincia di Sassari (2,92 per cento) seguita da Carbonia Iglesias (2,90). Poi Cagliari (2,34), Oristano (2,16), Nuoro (1,99) e Olbia Tempio (1,71).  L’importo complessivo è di oltre 683 milioni di euro tra indennità (oltre 497 milioni) e pensioni e assegni (oltre 186 milioni). I costi più alti in assoluto gravano sulla provincia di Cagliari, oltre 238 milioni di euro. Poi

Sassari (150), Nuoro (98), Oristano (quasi 91), Carbonia Iglesias (60) e Olbia Tempio (44).

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller