PARLIAMONE - La lezione di Gianni Morandi, uno su mille ce la fa

Tanti giovani allo spettacolo sassarese dell'artista che sa parlare ai ragazzi senza spuntare sentenze o esprimere per forza opinioni su tutto

SASSARI. Doveva parlare e lo ha fatto. Poi però ha anche cantato, ha ballato e ha fatto divertire migliaia di persone arrivate in piazza d'Italia per vederlo da vicino. Tra di loro, udite udite, c'erano anche centinaia di ragazzini che letteralmente lo adorano e che lo seguono ogni giorno nei social. Adolescenti che quando parlano di lui lo chiamano "Gianni" e basta, come se fosse uno di famiglia. Qualcuno di loro non sa che lui è (anche) un grande cantante che piaceva ai loro nonni.

Gianni Morandi, 72 anni portati con noncuranza, l'altra sera ha dimostrato ai sassaresi che si può davvero vivere "Sulla terra leggeri" come si chiama il fortunato festival letterario al quale il cantante ha partecipato in un amabile dialogo con Geppi Cucciari. Non è stata solo una grande serata di spettacolo. La presenza di quei ragazzi è stata una piccola lezione di vita, per chi l'ha voluta cogliere.

L'interprete di "Uno su mille ce la fa" è infatti un esempio di come si possa affascinare le nuove generazioni senza avere la pretesa di invadere i loro spazi, rubare il loro gergo. Una lezione per i tanti sedicenti "personaggi pubblici" che credono di avere capito tutto e che invece hanno ancora tanto da imparare. Anche a casa nostra, nelle nostre scuole, nelle nostre amministrazioni civiche, in una società che vive in un eterno gioco di ruolo.

Gianni Morandi ha dimostrato, per esempio, che la storia della rottamazione generazionale può essere un'arma spuntata nelle mani e nella testa di chi vuole farti fuori. Perché nessuno potrà mai metterti in un angolo se i giovani ti ri-conoscono e ti stimano perché li ascolti davvero quando ti parlano, gli rispondi quando ti scrivono, li incoraggi quando sono un po' giù. Se sei, insomma, un punto di riferimento e non uno che pretende di esserlo, continui a usare il tuo linguaggio ma sei capace di comprendere quello del tuo interlocutore.

Nel social network, per esempio, che poi è il segreto del successo di Gianni Morandi con gli adolescenti, il cantante è stato capace di creare un filo diretto con i suoi "amici"

senza mai sputare sentenze, senza esternare su tutto. È rimasto, semplicemente, se stesso e anche l'altra sera in piazza d'Italia i ragazzi e le ragazze lo hanno applaudito. Adulti, educatori, politici alla continua ricerca di "like" e di consenso, imparate la lezione.©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista