Pellegrinaggi, la nuova scommessa

Il progetto coinvolge Galtellì, Luogosanto, Laconi, Gesturi, Orgosolo e Dorgali

GALTELLÌ. Le vie del Signore sono infinite. Anche dal punto di vista turistico. Di questo ne è convinta anche la Regione, che a Galtellì ha firmato un protocollo d’intesa per «l’implementazione della rete lungo le destinazioni di pellegrinaggio in Sardegna». «Un progetto strutturato e maturo che coniuga la valenza culturale e spirituale dei territori con quelli che con quelli che sono gli elementi che caratterizzano il modello di sviluppo turistico della Sardegna: sostenibilità, ambiente, paesaggio e comunità autentiche, la qualità della vita – afferma l’assessore al Turismo Barbara Argiolas –. La sfida è ora quella di dare immediata fruibilità a questi cammini per restituire un nuovo motivo di viaggio: il turismo lento che si affianca a quello balneare». Con queste parole la Argiolas ha avviato una nuova fase di strutturazione e promozione del prodotto turistico culturale-religioso nell’isola, sancita ufficialmente a Galtellì dalla sigla del protocollo d’intesa. La firma sul documento da parte dell’assessorato regionale, dei rappresentanti della Conferenza episcopale sarda e degli amministratori dei sei Comuni coinvolti nel progetto (Dorgali, Galtellì, Gesturi, Laconi, Luogosanto e Orgosolo), ha formalizzato un’importante tappa di un iter quinquennale, condotto in stretta sinergia tra amministrazioni coinvolte ed enti religiosi con la regia regionale, iniziato proprio nel borgo della Baronia nel 2012 col primo forum regionale ‘Cultura religiosa e turismo’.

Nel corso degli anni sono stati definiti con vari gradi di strutturazione e fruibilità cammini, percorsi e destinazioni di pellegrinaggio: «L’obiettivo finale – ha aggiunto Argiolas – è la proposta e il successivo posizionamento in contesti nazionali e internazionali di un nuovo prodotto e di un’offerta omogenea e leggibile che includa tutti i circa 80 centri “vocati”, meta di fedeli e pellegrini, coinvolti dal progetto regionale, che in parte coincidono con i Comuni della futura rete dei borghi della Sardegna».

Le sei destinazioni di pellegrinaggio firmatarie dell’intesa, attraverso un partenariato pubblico-privato, proporranno un programma d’azione funzionale al progetto generale di promozione dell’offerta unitaria della Sardegna, che troverà attuazione attraverso i fondi Por già destinati al segmento, ossia un milione di euro, per interventi di infrastrutturazione materiale e immateriale. Ogni Comune-partner presenterà le peculiarità culturali e spirituali dei rispettivi territori: Galtellì, individuato come Comune capofila, per ‘los milagros’ del Santissimo Crocifisso, Luogosanto nei luoghi della storia francescana e della porta santa della sua basilica, Laconi, Gesturi, Orgosolo e Dorgali nei luoghi dove vissero rispettivamente Sant’Ignazio, Fra’ Nicola, la beata Antonia Mesina e suor Maria Gabriella Sagheddu. Ciascuno sarà tappa di un itinerario
in cui immergersi e vivere natura, cultura, arte, tradizioni, artigianato ed enogastronomia dell’entroterra. Una peculiarità sarda e in particolare di Galtellì, da valorizzare al meglio, emersa dai lavori dell’incontro è quella dei canti liturgici che accompagnano i fedeli.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro