Al via l’Expo del turismo culturale

A Barumini e Villanovaforru in vetrina le eccellenze del territorio: dall’arte al cibo

BARUMINI. Da 20 anni, ormai, da quando è stata proclamata dall’Unesco “Patrimonio dell’umanità”, la reggia nuragica Su Nuraxi è l’attrazione principale del turismo culturale in Sardegna. E proprio a Barumini è in programma, da domani a domenica, la quarta edizione dell’Expo del turismo culturale in Sardegna, organizzata dalla Fondazione Barumini in collaborazione col Polo museale della Sardegna. Sede della rassegna il centro culturale “Giovanni Lilliu”, quasi di fronte al monumentale nuraghe.

C’è però in questo nuovo appuntamento una novità: nel terzo giorno teatro della manifestazione saranno l’area archeologica di “Genna Maria” a Villanovaforru e il suo museo civico.

Expo 2017 propone tre giornate dedicate ai beni culturali e archeologici e alle eccellenze enogastronomiche e artigianali dell'intera isola.

«Un attrattore culturale e turistico unico nel panorama dell'offerta mondiale – ha sottolineato ieri alla presentazione della manifestazione l'assessora regionale al Turismo Barbara Argiolas –, la sfida é valorizzare le bellezze storiche e archeologiche per attirare turisti anche nei mesi primaverili e autunnali». La tre giorni si snoda tra gli stand riservati a trentuno espositori, tra associazioni e gestori di siti archeologici e museali di tutta l’sola. E poi mostre, incontri, laboratori didattici, spettacoli e animazione.

«Barumini vuole festeggiare
il riconoscimento anche con altri siti Unesco della penisola – ha spiegato il sindaco Emanuele Lilliu–, per questo ospitiamo Alberobello e Val di Noto. Ai valori Unesco nel mondo saranno dedicati un convegno e un focus sulla dieta mediterranea, patrimonio immateriale dell'umanità».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro