Lavoro, in Sardegna cala la disoccupazione: dal 15,9% al 14,6%

I dati dell'Istat fanno gioire il presidente della Regione Francesco Pigliaru: "Ottomila posti in più, sono i dati migliori visti sinora e questo ci fa ben sperare"

CAGLIARI - Migliora, secondo l'Istat, la situazione del lavoro in Sardegna.o dell'Istat. La Rilevazione sulle forze di lavoro dell'Istat sulla base del Rapporto congiunturale del mercato del lavoro realizzato dall'Ufficio di statistica regionale aumenta il tasso di attività (da 62,2% a 63,6%) e la forza lavoro (+1,6%, da 692,6 mila  a 703,5) cresce più della media nazionale e di quella del mezzogiorno (entrambe allo 0,9%), sia per la componente maschile (+1%) e più marcatamente per quella femminile (+2,3%). Diminuisce inoltre la percentuale degli inattivi -4,6% (da 412,1 a 393,2). E anche in questo caso Italia e Mezzogiorno si assestano su posizioni inferiori (rispettivamente -2,2% e -2,0%). Il tasso di disoccupazione diminuisce dal 15,9% al 14,6% (passa dal 15,5% al 15,0% per gli uomini e dal 16,5% al 14,1% per le donne).

 «Sono i dati migliori visti sinora - commenta il presidente della Regione Francesco Pigliaru - e questo ci fa ben sperare perché significa che la tendenza positiva va consolidandosi anche nel lungo periodo. Una tendenza che coinvolge sia il lavoro che il prodotto interno lordo, stimato in crescita dell'1,3%

nel 2017. Diminuiscono significativamente disoccupati e inoccupati, e si registrano 18mila posti di lavoro in più. In questo quadro incoraggiante, il tasso di disoccupazione è al minimo da molti anni: oggi è al 14,6%, mentre quando abbiamo iniziato a governare noi era molto più alto, al 19%».

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller