Sarrabus  

Ex Ati Ifras, i sindaci in campo

Incontro a Ballao: «Non possiamo perdere questi posti di lavoro» 

BALLAO . È incerto il futuro degli ex lavoratori dell’Ati-Ifras dell’area Sarrabus-Gerrei del parco minerario della Sardegna. Dal 31 dicembre, infatti, non percepiranno più l’indennità di disoccupazione. Il punto della situazione è stato fatto ieri mattina durante un incontro organizzato dai sindaci del territorio (Ballao, Silius, Goni, Villasalto, Armungia, San Vito, San Nicolò Gerrei) al quale hanno partecipato i lavoratori, Tarcisio Agus, il commissario straordinario del parco, Giorgio Piras, segretario regionale della Fismic- sarda –Confsal e Federico Angius, segretario provinciale dell’Usb. Il sindaco di Ballao, Severino Cubeddu, si è detto fortemente preoccupato per lo stato delle cose che è senza sbocco se non verrà modificata la norma che impedisce agli enti locali di poter assumere personale. È stato sottolineato che i comuni, pertanto, non potranno assorbire i lavoratori ex Ati-Ifras. «Per il nostro territorio, che ha uno dei tassi
di disoccupazione e di spopolamento più alti della Regione, la perdita di questi posti di lavoro sarebbe una mazzata – hanno evidenziato Marino Mulas, Paolo Maxia, Stefano Soro e Antonio Quartu». I sindaci chiederanno alla Regione di essere invitati ai tavoli partenariali. (g.c.b)

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro