Confartigianato  

Imprese, 784 chiusure nel 2017

A Sassari e in Gallura il calo più significativo: sono 284 in meno 

SASSARI. L’artigianato sardo non vede la luce: le imprese sono in calo e il comparto perde altre 784 unità. Nel 2016 la diminuzione era stata di 541 imprese mentre dal 2008 a oggi ne sono scomparse definitivamente 7.456. Il conto totale è nei numeri delle imprese artigiane del 2017, diramati da Movimprese-Unioncamere e analizzati dall’osservatorio di Confartigianato imprese Sardegna. Il rapporto parla di 35.562 imprese artigiane registrate negli albi delle Camere di commercio al 31 dicembre 2017. 784 imprese in meno rispetto al 2016 è la differenza tra le 1.626 nuove iscrizioni e le 2.410 cessazioni. Sono ben 7.456 le imprese in meno rispetto al boom del 2008. «Sono dati che rappresentano un grande turbamento per il nostro comparto – commenta il presidente di Confartigianato imprese, Antonio Matzutzi – la crisi cronicizzata, il calo dei consumi delle famiglie, le tasse, la burocrazia, la mancanza di credito e di interventi organici per il settore, sono le principali cause che hanno costretto molti piccoli imprenditori ad abbassare le saracinesche delle bottega. Senza contare – sottolinea il presidente – l’abusivismo che danneggia l’artigianato, anche sui social network». Tra le province, Sassari-Gallura subisce il contraccolpo maggiore: 987 cancellazioni e 703 iscrizioni che portano il saldo a -284 e il totale registrato a 12.632. Segue Cagliari-Sud Sardegna con 882 cessazioni e 638 iscrizioni per un saldo di -244 attività registrate e un totale negli albi di 13.520. Negativa anche Nuoro che con 354 cancellazioni e 283 iscrizioni, registra un saldo di -71 e un totale di 6.472 imprese. Una situazione particolare la vive Oristano che per problematiche legate ai rapporti tra Regione e Camera di commercio, non sta garantendo l’operatività dell’Albo, impedendo così l’iscrizione delle imprese artigiane. In questa provincia, in ogni caso, le imprese artigiane sono 2.938 mentre le cancellazioni sono 187. Tra i settori più colpiti soprattutto le costruzioni, con 622 aperture e 1.000 chiusure, perdono 378 attività
per un saldo di 13.148 realtà registrate al 31 dicembre 2017. Le attività manifatturiere, con 275 aperture e 431 cancellazioni, perdono 156 attività, per un saldo 2017 di 7.690 realtà. I trasporti, con 60 aperture e 156 chiusure, perdono 96 realtà, per un saldo di 2.589 attività al 2017.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller