Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Ichnusa gas a Italgas con 12 concessioni

MILANO. Italgas ha perfezionato ieri l'acquisizione del 100% di Ichnusa Gas, da Cpl Concordia e dall'Impresa Pellegrini, già annunciata lo scorso novembre, assicurandosi dodici concessioni per la...

MILANO. Italgas ha perfezionato ieri l'acquisizione del 100% di Ichnusa Gas, da Cpl Concordia e dall'Impresa Pellegrini, già annunciata lo scorso novembre, assicurandosi dodici concessioni per la realizzazione e l'esercizio di reti di distribuzione del gas in ottantuno Comuni della Sardegna.

Lo si legge in una nota in cui viene ricordato che con il perfezionamento dell'operazione salgono a 52 le nuove concessioni che Italgas ha acquisito in applicazione della strategia di crescita annunciata al mercato con il Piano Strategico 2017-2023. Quest'ultima, in attesa dello svolgimento delle gare d'ambito, prevede uno sviluppo del Gruppo anche attraverso l'acquisizione di operatori di piccole e medie dimensioni.

La valorizzazione complessiva di Ichnusa Gas è stata pari a 26 milioni di euro circa. Delle dodici concessioni in portafoglio, due sono in esercizio con i primi clienti serviti provvisoriamente con Gpl, mentre le rimanenti dieci riguardano reti in costruzione e da realizzare per un investimento complessivo di oltre 170 milioni di euro, in parte finanziato con contributi regionali.

Le infrastrutture saranno completate nell'arco di tre anni circa e avranno un'estensione complessiva di circa 1.300 chilometri a servizio di un bacino di oltre 150.000 clienti potenziali.

Con l'acquisizione di Ichnusa Gas, Italgas diventa il gestore di circa un terzo dei trentotto bacini d'utenza in cui la Sardegna è suddivisa, assumendo da subito un ruolo di rilievo nel progetto di metanizzazione dell'isola. L’operazione avviene a oltre un anno dall’ingresso in Borsa di Italgas e conferma la volontà di investire nell’unica regione italiana non servita da un struttura interconnessa per la fornitura di gas naturale.