peste suina africana 

Tra Orgosolo e Villagrande abbattuti 112 maiali

ORGOSOLO. Ancora abbattimenti di maiali al pascolo brado illegale da parte dell’Unità di progetto per l’eradicazione della peste suina africana: ieri è toccato a 72 capi in agro di Orgosolo, località...

ORGOSOLO. Ancora abbattimenti di maiali al pascolo brado illegale da parte dell’Unità di progetto per l’eradicazione della peste suina africana: ieri è toccato a 72 capi in agro di Orgosolo, località Pradu, e a 40 in territorio di Villagrande Strisaili, località Bau Mandara, Predarba e Arcu su Pensiu. In entrambi gli interventi gli animali sono risultati non registrati, di ignota proprietà e mai sottoposti ai dovuti controlli sanitari. Le operazioni, condotte in stretta collaborazione con la Prefettura e la Questura di Nuoro, hanno visti impegnati agenti della forestale e personale dell’Ats, dell’Agenzia Forestas, dell’Istituto zooprofilattico e delle forze di polizia. Nell’intervento effettuato a Orgosolo sono stati inoltre ritrovati, all’interno di una vecchia carcassa d’auto utilizzata come deposito, dei flaconi già utilizzati di antiparassitari provenienti dalla Romania e mai registrati in Italia. «Un uso illegale di medicinali di dubbia origine e di qualità sconosciuta, nonché una somministrazione sommaria in dispregio a tutte le precauzioni e prescrizioni di carattere sanitario – commenta l’Unità di progetto – pregiudica pericolosamente la qualità e la salubrità delle carni. Oltre a essere animali che non hanno mai avuto controlli o visite sanitarie, sono anche stati oggetto di trattamenti medici illeciti
che, legati alla macellazione clandestina, espongono ad altissimo rischio i potenziali consumatori». Le carni infatti potrebbero essere contaminate con sostanze chimiche che hanno anche effetti tossici per l’uomo. A Villagrande controllate anche alcune aziende suine registrate.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro