L'Isis ritocca il suo selfie a New York, turista sardo interrogato dall'Fbi

La notizia è stata riportata dal sito New York Post. Gli agenti sono arrivati in Sardegna per chiedere spiegazioni al giovane e per scoprire che la foto era un fake

SASSARI. Un turista sardo scatta un selfie davanti al Metropolitan Museum of Art di New York e pubblica la foto sui social. L'Isis la copia e aggiunge una sciarpa con il logo dello stato islamico, rilanciandola sui social media per fare propaganda contro gli Stati Uniti. Dopo tre mesi di ricerche, l'Fbi riesce a individuare il turista, attraverso le telecamere di videosorveglianza posizionate davanti al museo, e scopre il nome grazie al pagamento fatto con la carta di credito per visitare il celebre Met. Gli agenti volano fino in Sardegna e si presentano a casa del giovane che, sbigottito, risponde di avere passato una vacanza meravigliosa a New York e di non possedere una sciarpa nera. A quel punto, gli uomini dell'Fbi hanno la conferma: la foto era stata ritoccata dall'Isis.

«Un fatto, questo - hanno dichiarato gli investigatori dell'Fbi -, che fa pensare fino a che punto

siano disperati gli uomini del Califfato, se arrivano a taroccare foto di turisti innocenti per fare propaganda». La notizia è stata riportata dal New York Post e da numerosi altri siti americani.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community