Subisce un furto e pesta il ladro

Villacidro, spedizione punitiva contro il topo d’appartamento: quattro denunciati

VILLACIDRO. Ha organizzato una spedizione punitiva contro il presunto topo d’appartamento che gli aveva svaligiato la casa e per riprendersi anche quanto gli era stato rubato. Il giustiziere e suoi tre amici hanno fatto irruzione nell’abitazione del supposto responsabile del furto, lo hanno pestato e si sono ripresi parte della refurtiva, quella ritrovata: un computer portatile, una play station, numerosi giochi, un orologio, occhiali da sole e altri oggetti personali. Del bottino manca molto altro, probabilmente nascosto dal ladro fuori dalla sua abitazione. I giustizieri e il ladro sono stati tutti denunciati in stato di libertà dai carabinieri: i primi per violazione di domicilio e violenza privata, l’ultimo per ricettazione. Forse sarebbe rimasta una faccenda privata e sconosciuta alle forze dell’ordine se chi ha subito il furto non avesse pubblicato sulla sua bacheca in un social network le foto della refurtiva recuperata e i ringraziamenti ai tre compagni che gli avevano dato una mano nella spedizione punitiva: “Quando hai gli amici, quelli veri, tutto si sistema. Manca un bel po’ di roba, ma per il momento può bastare. Dico solo grazie a..” (nomi tutti pubblicati). Il furto era stato compiuto venerdì scorso in casa di F.S. I sospetti del padrone di casa si sono accentrati subito su Giuseppe Pontis, 29 anni, noto come “Peppone” e conosciuto in paese
per furti e altri reati vari (spaccio di droga e porto illegale di arma). Sabato sera il derubato e i suoi tre amici sono andati a fargli visita . Entrati con la forza in casa, lo hanno affrontato e pestato sotto gli occhi della madre finché non si è deciso a restituire il maltolto.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare