Vinitaly, 40 premi alle cantine della Sardegna

Nella rassegna di Verona le bottiglie isolane in grande evidenza

VERONA. La 52/a edizione del Vinitaly si è chiusa con un bilancio positivo per le cantine sarde presenti all'esposizione internazionale a Verona. Sono ben 40 i premi conquistati sui 601 assegnati alle eccellenze vitivinicole mondiali, in concorso per il catalogo 5StarWines dove si è espressa una giuria di esperti di altissimo livello. Un ulteriore riconoscimento è andato a un'etichetta selezionata in una categoria speciale.

La rassegna si era aperta domenica 15 aprile con un ottimo risultato per la Sardegna: la conquista del premio di miglior vino in assoluto portato a casa dalla Vernaccia del 2004 di Silvio Carta, storico produttore della cantina di Baratili San Pietro, in provincia di Oristano, rinomata anche per i distillati. Nello stesso giorno anche la consegna, da parte dell'assessore dell'Agricoltura Pier Luigi Caria, del «Premio Angelo Betti», con la Medaglia Cangrande 2018, all'enologo Piero Cella titolare della Cantina Quartomoro di Sardegna, con sede ad Arborea. La premiazione dei Benemeriti della Viticoltura italiana è un riconoscimento, nato nel 1973, che ogni assessore regionale dell'Agricoltura consegna tutti gli anni alla figura che si è particolarmente distinta per aver valorizzato e promosso la cultura vitivinicola della sua regione.

«Le 97 cantine sarde, di cui 72 ospitate nel Padiglione della Collettiva regionale - afferma Caria - hanno rappresentato uno spaccato del comparto produttivo isolano di cui andare fieri. Imprese dinamiche che si affacciano sui mercati nazionali ed esteri con vini di elevata qualità che raccontano tradizioni e specificità dei diversi territori della Sardegna. Il prossimo mese convocheremo in assessorato i rappresentanti dei Consigli di amministrazione delle cantine e con loro cercheremo di costruire un progetto di promozione che metta in rete le nostre aziende. Dobbiamo fare massa critica sulle nostre produzioni. La concorrenza mondiale è fortissima e possiamo sfidarla solo facendo sistema».

Intanto la quarta e ultima giornata del Vinitaly 2018 si è chiusa con l'appuntamento «La Sardegna dei Territori: Il Bovale di Mogoro, del Mandrolisai, della Marmilla e di Dorgali», a cui

è seguita una tavola rotonda con Dario Cappelloni, Doctorwine, Giuseppe Carrus del Gambero Rosso e Pier Paolo Fiori, dell'Agenzia Agris Sardegna. L'incontro è quindi proseguito con una degustazione guidata di quattro vini accompagnati da prodotti tipici della tradizione agroalimentare sarda.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro