Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Paci: sì al rilancio dello stabilimento

VILLACIDRO. La Regione conferma l’impegno per il rilancio dello stabilimento Keller di Villacidro. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Raffaele Paci che ieri ha incontrato una delegazione di...

VILLACIDRO. La Regione conferma l’impegno per il rilancio dello stabilimento Keller di Villacidro. Lo ha detto il vicepresidente della Regione Raffaele Paci che ieri ha incontrato una delegazione di lavoratori ex Keller, nella sala consiliare del Comune, a San Gavino Monreale. Insieme a Paci, i consiglieri regionali Rossella Pinna, Alessandro Collu e Gianni Lampis, rappresentanti sindacali, sindaci e assessori locali. L’incontro è stato chiesto dagli stessi lavoratori che in questo momento non ricevono più gli ammortizzatori sociali.

«È un dovere essere qui, ascoltarvi e fare un ragionamento sul futuro con voi e i rappresentanti del territorio – ha detto Paci – Questa della Keller è una partita che stanno seguendo direttamente gli assessori dell’Industria e del Lavoro, ma anche la Presidenza segue quotidianamente la vertenza. Le strade sono due: una è dare una risposta nell’immediato alle famiglie senza reddito, visto che non ci sono più gli ammortizzatori, l’altra è monitorare le proposte degli acquirenti. La Regione sta seguendo da vicino l’evolversi della situazione». Tutto questo, però, ha sottolineato Raffaele Paci «sempre all’interno delle regole». «Non possiamo dare soldi senza rispettare le procedure, perché poi dopo due mesi l’Europa ce li richiede – ha spiegato il vicepresidente della Regione – Adesso aspettiamo di vedere come va il bando che scade il prossimo 29 aprile: se entro quella data non ci saranno manifestazioni d’interesse, cercheremo di individuare e superare insieme al Consorzio industriale eventuali difficoltà di quel bando. Se invece le manifestazioni d’interesse ci saranno, allora immediatamente la Giunta si impegnerà a trovare incentivi all’interno di una procedura negoziale in cui sarà coinvolto anche il Ministero dello Sviluppo Economico, per accompagnare l’investitore in un processo di rilancio».