Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sassari-Olbia, la fine dei lavori slitta al 2020

Ad annunciarlo è l’Anas: la scadenza originaria non può essere rispettata per i ritardi sul lotto 2

OLBIA. Il taglio del nastro si sposta di qualche mese. La strada Sassari–Olbia sarà ultimata nel 2020 e non a fine 2019. Lo spiega direttamente Valter Bortolan, il responsabile del coordinamento territoriale dell’Anas. La situazione di stallo dei quattro lotti ancora in alto mare è comunque in buona parte risolta. Bortolan si dice fiducioso e vede vicina la fine dei lavori. E appare particolarmente fiducioso anche per quanto riguarda le altre grandi opere che la Sardegna attende ormai da tempo. Ieri i vertici Anas, radunati a Olbia per un evento sui 90 anni di storia dell’ente, hanno fatto un po’ il punto della situazione. Sono 600 i milioni di euro per i lavori attualmente in corso e 430 i milioni per i cantieri che apriranno a breve. Nella programmazione pluriennale sono invece previsti 27 interventi, per un totale di 1 miliardo e 400mila euro.

La Sassari–Olbia. I quattro lotti che erano ancora fermi, cioè il 2, il 4, il 5 e il 6, vedono la fine del tunnel. «Il 5 e il 6 erano bloccati e sono ripresi, saranno ultimati entro il 2019. Qui ci opera un’impresa che è subentrata e che ha già fatto bene nel lotto 3 – spiega Bortolan –. Anche il 4 è in corso e terminerà alla del fine 2019. Il lotto 2 è bloccato dalla crisi di Oberosler e purtroppo non si può rispettare la scadenza originaria, che era fissata per il dicembre 2019. Ma contiamo di completare il 2 entro i primi mesi del 2020». Poi un passaggio sull’allarme lanciato dalle imprese che ancora non hanno ricevuto i pagamenti. «È l’effetto della crisi finanziaria degli appaltatori principali di alcuni lotti della strada – dice Bortolan –. Stiamo lottando al fianco delle imprese coinvolte per riuscire a pagare direttamente loro. Ma questa possibilità non c’è stata data perché siamo vincolati da alcune leggi che impediscono l’intervento diretto se non con l’autorizzazione del tribunale. Quindi dobbiamo attendere l’esito delle valutazioni del tribunale. Purtroppo non possiamo fare più di quello che abbiamo già fatto».

Le nuove opere. Sassari–Olbia a parte, l’Anas annuncia che sono in corso i lavori sulla Sulcitana e sulla Orientale tra Tortolì e San Priamo e che stanno per essere riavviati i lavori in un tratto della Carlo Felice. Sono già concluse le gare di appalto per quanto riguarda i nuovi lavori in diverse strade del sud, come la 125 tra Tertenia e San Priamo, l'adeguamento della Cagliaritana, i due interventi del Piano Sulcis per la 195 tra San Giovanni Suergiu e Giba e per la 293 tra Giba e Nuxis, più il miglioramento degli standard di sicurezza della 131. E sono invece 27 gli interventi previsti nella programmazione pluriennale. Tra questi la il completamento dell’itinerario Alghero–Sassari, per un totale di 137 milioni di euro, l’eliminazione degli incroci dell’Iglesiente, il potenziamento di un lungo tratto della 131 e la nuova Olbia–Arzachena–Palau. Lunedì sarà invece avviato il cantiere per il ripristino di un tratto della Olbia–Tempio, ai piedi di Monte Pino.