Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Abbanoa contro Tedde: ci vedremo in giudizio

I vertici della società idrica hanno denunciato il consigliere regionale di Fi, in sede civile e penale

CAGLIARI. È guerra aperta tra Abbanoa e Marco Tedde, il consigliere regionale di Forza Italia che accusa la società di aver sprecato 6 milioni di euro per un sistema informativo inadeguato. «Il sistema Siris che Abbanoa ha acquistato nel 2011 per la rilevazione dei consumi e la fatturazione si è rivelato un fallimento – protesta Tedde – La società lo ha abbandonato un anno fa ed è ritornata al vecchio sistema. Un “errore” costato 6 milioni di euro che genererà sicuramente altre spese a carico degli utenti sardi per pagare le spese legali derivanti dai contenziosi avviati da Abbanoa». Senza considerare, insiste Tedde, che «il duplice passaggio dal vecchio al nuovo sistema e, ancora, dal nuovo al vecchio comporterà la perdita dell’integrità dei dati degli utenti e, con molta probabilità, errori nella fase di fatturazione».

«Tutte bugie», ribattono i vertici di Abbanoa che, in una nota, annunciano azioni legali contro il consigliere regionale di Forza Italia. «Le dichiarazioni di Tedde hanno un sapore politico: sono strumentali, fondate su spudorate bugie ed omissioni – si legge nella nota – Tedde ci accusa di alterare i dati nella redazione del bilancio, di ricorrere a prestiti obbligazionari per garantire la sopravvivenza della società e altre “perle” inventate dalla sua incultura societaria e manageriale. Per questi fatti, oltre alla denuncia in sede penale per le gravissime falsità espresse, Abbanoa ha avviato una causa di accertamento in sede civile per il risarcimento del danno arrecato alla società con ripetute e differenti dichiarazioni false che adesso Tedde sarà costretto a dimostrare in tribunale. È indispensabile che i cittadini, i clienti e le imprese sentano chiara la verità. Basta con le dichiarazioni propagandistiche. Tedde parla di “6 milioni buttati”, “di fallimento costato 6 milioni di euro”. Ora dovrà provare in tribunale le sue accuse». Abbanoa, dal canto suo, è pronta a portare davanti ai giudici tutte le prove dei risultati ottenuti in questi ultimi anni, «Per dimostrare i risultati, eclatanti, conseguiti con i nuovi sistemi informatici porteremo ad esempio proprio il caso del comune di Alghero (di cui Marco Tedde è stato sindaco, ndr) con le differenze tra la gestione comunale e la gestione Abbanoa», questa la strategia difensiva della società.

«Dal prossimo settembre – annuncia Abbanoa – sarà periodica la pubblicazione dei dati sulla storia del comune di Alghero, sul fronte commerciale e su quello delle infrastrutture, con le evidenze dei casi risolti dopo l’ingresso di Abbanoa, magari col confronto con i dati relativi alla gestione ante Abbanoa».