Pili: Moody’s ha declassato Moby

«Il bond della compagnia di navigazione Moby (300 milioni di euro di titoli senior garantiti) declassato dall’agenzia di rating Moody’s da B1 a B3, mentre il gruppo scende da B2 a Caa1»: a renderlo...

«Il bond della compagnia di navigazione Moby (300 milioni di euro di titoli senior garantiti) declassato dall’agenzia di rating Moody’s da B1 a B3, mentre il gruppo scende da B2 a Caa1»: a renderlo noto il leader di Unidos Mauro Pili che in una nota commenta la relazione della corporation specializzata in analisi di mercato: «La decisione di ridurre Moby di due tacche – afferma – riflette la continua erosione delle metriche di credito dell'azienda, le limitate prospettive di inversione di tendenza e preoccupazioni di liquidità in quanto la società nei prossimi 12-18 mesi deve affrontare flussi di cassa potenzialmente significativi sulla scia di una multa antitrust italiana (29 milioni) e un'indagine in corso da parte della Commissione europea» . Secondo Pili «non solo Tirrenia-Moby guadagna a piene mani con biglietti alle stelle sulle rotte con l’isola, non solo incassa 73 milioni all’anno, ma il gruppo Onorato non sta nemmeno pagando allo Stato le rate d’acquisto di Tirrenia. Uno scandalo senza precedenti che emerge in modo chiaro dalla relazione redatta da Guillaume Leglise, vice presidente vicario di Moody's». L’ex deputato di Unidos – citando la relazione – sottolinea che «Moby non ha pagato nemmeno la prima tranche di 55 milioni prevista per aprile 2016 delle tre fissate per il pagamento differito di 180 milioni per l’acquisizione di Tirrenia». E invita il nuovo governo
a non perdere tempo e « a disinnescare questa bomba ad orologeria, revocando la convenzione in base all’art. 15, dopo la condanna dell’antitrust è il minimo, e predisponendo un vero bando sulle rotte con la Sardegna». Il gruppo Onorato per ora preferisce non commentare. (a.palm.)


TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community