Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Evasione Pinna Il perito conferma la seminfermità

CAGLIARI. Nell’ultima udienza davanti al Gup del Tribunale di Cagliari, il perito ha confermato le prime risultanze: Paolo Pinna era parzialmente incapace di intendere e volere quando il 9 aprile...

CAGLIARI. Nell’ultima udienza davanti al Gup del Tribunale di Cagliari, il perito ha confermato le prime risultanze: Paolo Pinna era parzialmente incapace di intendere e volere quando il 9 aprile dello scorso anno evase dal carcere minorile di Quartucciu.

Il giovane di Nule, minorenne all’epoca dei fatti, era stato arrestato per gli omicidi del suo compaesano Stefano Masala e dello studente di Orune Gianluca Monni, per i quali è stato poi condannato a 20 anni in primo grado e in appello. Diverse, invece, le conclusioni a cui è arrivato il consulente nominato dal difensore Angelo Merlini: a suo parere, infatti, Paolo Pinna era totalmente incapace. E se per il duplice omicidio pende il giudizio in Cassazione, per l’evasione la difesa aveva chiesto e ottenuto l’abbreviato condizionato proprio alla perizia psichiatrica.

Il 5 luglio è prevista la discussione.