Acli 

«Bisogna ripartire dalle bonifiche per rilanciare il Sulcis»

CAGLIARI. Ridare vita, attraverso le bonifiche, a un territorio segnato da decenni di sfruttamento massivo da parte di industrie e miniere, puntare verso un nuovo modello di sviluppo nel rispetto del...

CAGLIARI. Ridare vita, attraverso le bonifiche, a un territorio segnato da decenni di sfruttamento massivo da parte di industrie e miniere, puntare verso un nuovo modello di sviluppo nel rispetto del territorio, dell’ambiente e della storia dell’area del Sulcis-Iglesiente-Guspinese. È questo il tema centrale del convegno "Lo sviluppo socio-economico della Sardegna attraverso il risanamento dei siti minerari - Le bonifiche delle aree industriali e minerarie del Sulcis Iglesiente Guspinese" organizzato dalle Acli Provinciali di Cagliari e da Acli Cortoghiana con la collaborazione del Sicip Consorzio Industriale della Provincia Carbonia Iglesias per oggi alle 16 a Portovesme, nella sala riunioni del Consorzio. All’incontro, moderato dallo scrittore e giornalista Sandro Mantega e aperto dai saluti istituzionali dell’assessore regionale agli Enti Locali Cristiano Erriu, del presidente provinciale delle Acli Mauro Carta, del sindaco di Portoscuso Giorgio Alimonda e del presidente del Consorzio industriale Federico Strina, parteciperanno Franco Manca, in rappresentanza dell’Associazione mineraria Sarda, Giacomo Guadagnini, direttivo Sicip, l’Amministratore delegato della Portovesme srl Carlo Lolliri, Mario Cabriolu di Igea e i docenti dell’Università di Cagliari Pierpaolo Manca
e Gian Battista De Giudici. Dopo il dibattito, al quale potranno partecipare esponenti dell’amministrazione regionale e ai rappresentanti del territorio, l’onere di tirare le fila e chiudere il convegno sarà lasciato all’intervento del coordinatore del Piano Sulcis Tore Cherchi.



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro