Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Abbanoa, in tre per il dopo Ramazzotti

Tra un mese la nomina del nuovo amministratore unico della società. Si rinnova anche il collegio dei sindaci e i revisori

SASSARI. L’era Ramazzotti sta per concludersi. L’approvazione del bilancio di esercizio del 2017 di Abbanoa è la scadenza naturale per l’attuale amministratore unico della società che gestisce le acque sarde. Alessandro Ramazzotti, dunque, lascerà il posto che occupa dal giugno del 2014. Il nome del successore uscirà da una terna di candidati composta da Andrea Bossola, direttore dell’area industriale delle reti di Acea, Ivo Monteforte, direttore generale della società per azioni Aspas ed ex amministratore unico dell’Acquedotto Pugliese, e Abramo Garau, ex direttore generale della Provincia di Cagliari.

L’elezione. Sarà l’assemblea degli azionisti, convocata a Cagliari il 26 luglio, a eleggere il nuovo amministratore unico sulla base delle indicazioni fornite dal Comitato istituzionale d’ambito (presieduto dal sindaco di Nurachi Renzo Ponti e composto dal sindaco di Sassari, Nicola Sanna, dal primo cittadino di Maracalagonis, Mario Fadda e dal sindaco di Macomer, Antonio Succu) che ha scremato le otto candidature, più una non ammessa perché presentata in ritardo, e ha selezionato la terna da presentare agli azionisti. Il peso del voto è stabilito da un patto parasociale che, sulla nomina dell’amministratore unico, prescinde dal numero delle azioni. La Regione, ad esempio, detiene il 70 per cento delle quote azionarie di Abbanoa Spa ma il suo voto vale per il 20 per cento. Se il peso specifico del voto della Regione cala, quello dei Comuni sale fino a dividersi il restante 80 per cento con Cagliari che avrà il 17,36 per cento, Sassari il 12,76 per cento, Nuoro il 3,88 per cento seguiti da tutti gli altri Comuni.

I pretendenti. Andrea Bossola, romano classe 1961, è un ingegnere idraulico con un passato speso nel mondo della gestione idrica. Attualmente occupa un poso nei quadri dirigenti di Acea, il primo operatore nazionale nel settore idrico con circa 9 milioni di abitanti serviti nel Lazio, Toscana, Umbria e Campania. Ivo Monteforte, genovese classe 1952, è il direttore generale della Aspes Spa, un’azienda pubblica che svolge la sua attività nel campo dei servizi pubblici locali ma fino al novembre del 2012 è stato anche l’amministratore unico dell’Acquedotto Pugliese Spa, la società che gestisce le risorse idriche in Puglia. Abramo Garau, sardo classe 1952, è un ingegnere civile che è stato il Direttore generale della Provincia di Cagliari ma che ha ricoperto incarichi anche nel Comitato regionale di controllo di Cagliari.

Le altre cariche. Oltre all’amministratore unico Abbanoa il 26 luglio rinnoverà anche il presidente e i componenti del Collegio dei sindaci e i revisori contabili. Per quanto riguarda il collegio dei sindaci, le terne selezionate dal Comitato istituzionale d’ambito su un totale di 29 candidature, che verranno sottoposte al voto dell’assemblea dei soci, sono quattro. La prima è composta da Simonetta Fadda, Giovanni Maria Murruzzu e Franco Pinna, nella seconda ci sono Agostino Galizia, Francesco Salaris, Gian Luca Zicca, la terza è composta da Maria Giovanna Angius, Maria Laura Vacca e Ignazio Zucca mentre nella quarta figurano i nomi di Maria Carla Manca, Iole Nurra e Remigio Enrico Maria Sequi. Infine, tra i cinque candidati al ruolo di revisore contabile è stata selezionata una terna di contendenti composta da Attilio Lasio, Audirevi Spa e Bdo Spa.