Aeroporto di Alghero Peralda lascia dopo 8 anni

Il direttore generale si dimette: spero di avere migliorato questa società Il nome del successore non è stato ancora scelto: arriverà un traghettatore

ALGHERO. Mario Peralda non è più il direttore generale di Sogeaal. Il manager, da più di otto anni alla guida della società che gestisce l'aeroporto Riviera del corallo di Alghero, ha rassegnato le sue dimissioni ieri mattina, durante una riunione del consiglio di amministrazione, dopo aver gestito il complesso passaggio dell'ingresso dei capitali privati di F2i in quella che, fino al 2016, era una società a totale partecipazione pubblica.

«Vado via dopo otto anni – commenta – al termine di un percorso condiviso. Spero di aver lasciato una Sogeaal migliore di quella che ho trovato. La lascio nelle mani di un’azionista di riferimento con una importante levatura, che sarà in grado di garantirgli nuovi successi. Il mio ringraziamento va agli azionisti, di allora e di oggi, che mi hanno consentito di maturare questa bellissima esperienza, ai colleghi, di ogni settore, che mi hanno accompagnato in questo tragitto e ai rappresentanti del territorio e delle istituzioni con cui ho potuto condividere programmi e obiettivi».

«Mario Peralda, in vista di un nuovo percorso professionale, ha rassegnato le proprie dimissioni da direttore generale della società, efficaci con l’accettazione in data odierna da parte del consiglio di amministrazione – informa la società in una nota –. Ha rivestito il ruolo di Dg per più di otto anni, periodo in cui Sogeaal ha attraversato una delicata fase di trasformazione, fino ad arrivare alla privatizzazione. Il Consiglio di Amministrazione ringrazia Mario Peralda per il lavoro svolto e gli formula i migliori auguri di successo nelle nuove sfide professionali che lo attendono».

Le dimissioni di Peralda non sono una sorpresa. Già da qualche mese infatti la nuova proprietà ha iniziato a rinnovare gli organigrammi, con l’ingresso di Fabio Gallo, direttore amministrativo, finanza e controllo e sviluppo business. Non è invece stato stabilito a chi toccherà traghettare Sogeaal fino alla comunicazione del nome del successore di Peralda, comunque attesa a stretto giro di posta. Novità potrebbero arrivare anche per il Cda, presieduto da Roberto Barbieri. Voce in capitolo avrà chiaramente anche la Regione, che continua a detenere direttamente il 23 per cento delle azioni della società di gestione, oltre a un ulteriore 5,69 per cento tramite la controllata Sfirs, con il restante 71,25 per cento in mano del fondo di interventi infrastrutturali F2i. Fondo che, all’inizio del 2017, aveva rinnovato la fiducia a Peralda, investendolo anche della delicato ruolo di accountable manager aeroportuale della società di Nuraghe Biancu. Ora, a un anno e mezzo di distanza, il definitivo cambio al vertice, per dare gambe al complesso piano di rilancio dell’aeroporto, che cerca di recuperare i flussi dei passeggeri dopo l’addio di Ryanair e portare avanti il dimagrimento
societario. Per quanto riguarda il futuro di Peralda il manager è abbottonatissimo: «Per ora non posso dire assolutamente nulla», spiega. Ma difficilmente starà fermo a lungo, e forse per trovare un nuovo impiego non dovrà nemmeno fare molta strada.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro