Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Addio a Giuseppina, nonnina d’Europa

Aveva 116 anni e 37 giorni: era nata alla Maddalena e aveva vissuto a Ozieri

SASSARI. È morta a 116 anni e 37 giorni, nella sua casa di Montelupo Fiorentino, Giuseppina Projetto, nata alla Maddalena nel 1902, fino a oggi la donna più longeva d'Italia e d'Europa, stando ai documenti anagrafici conosciuti dagli esperti. L'ultracentenaria era anche la seconda persona più longeva del mondo dietro alla giapponese Chyho Miyako, 117 anni. Al momento in Italia solo un'altra donna, Emma Morano, morta il 15 aprile 2017 a 117 anni e 137 giorni, ha vissuto più a lungo da quando risulta dai registri anagrafici.

Giuseppina Projetto aveva tagliato il traguardo dei 116 anni poco più di un mese fa. La nonnina era nata il 30 maggio 1902 alla Maddalena, dove il nonno siciliano si era trasferito al seguito di Giuseppe Garibaldi. Giuseppina, per tutti Pina, perse la madre a 5 anni e venne accolta in un orfanotrofio a Ozieri, dove rimase per 15 anni. Si sposò due volte, ma non ebbe figli. Il secondo marito Giuseppe Frau però ne aveva avuti tre che lei allevò come suoi. Quando uno di loro, Renato, si trasferì per lavoro in Toscana, a Montelupo Fiorentino, anche lei andò a vivere con lui. Poco dopo però - siamo negli anni Sessanta - il figlio morì a 39 anni nel tentativo di salvare dei bagnanti a Donoratico, sulla costa di Livorno.

La nonnina viveva nel piccolo centro toscano con la nuora e alcuni nipoti, ma non aveva mai dimenticato la Sardegna. Tanto che lo scorso 30 maggio, in occasione del 116esimo compleanno, il sindaco della Maddalena, Luca Montella, le aveva inviato un mazzo di fiori e l’atto di nascita. A dare la notizia della morte è stato ieri il sindaco di Montelupo, Paolo Masetti. «Il destino le ha tolto molto ma le ha anche dato la longevità e l'amore di una straordinaria famiglia – ha scritto su Facebook–. Ricordo quel 30 maggio del 2014, appena eletto, quando fui mandato a farle gli auguri. È sempre stata una festa incontrare questa piccola grande donna». La Sardegna continua a mantenere il primato dell’uomo più longevo d’Italia: Antonio Todde morto nel 2002 a Tiana all’età di 112 anni e 346 giorni.